Frasi sul Lavoro: le 75 più belle e profonde

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 10 . Media: 4,60 su 5)
Loading...
Frasi sul Lavoro: le 75 più belle e profonde

In questi ultimi anni, caratterizzati da un radicale cambiamento del sistema lavorativo, ci si interroga sempre di più sul significato e sul valore del lavoro. Le condizioni lavorative si sono evolute sempre più rapidamente nel corso degli ultimi anni.

Tuttavia, il lavoro occupa ancora la maggior parte del tempo della giornata delle persone ed è essenziale al sostentamento delle stesse. Con l’arrivo del Primo Maggio e della festa dei lavoratori si riflette molto di più su lavoro e sull’importanza di trovare un’occupazione dignitosa che non sia solo un modo per guadagnarsi lo stipendio e mantenere se stessi e la propria famiglia, ma anche un modo per sentirsi utili, apprezzati e soddisfatti. Il mondo del lavoro cambia sì, ma le necessita di chi cerca lavoro rimangono le stesse.

Qui di seguito una raccolta delle più belle frasi sul Lavoro scritte da importanti filosofi, scrittori e personaggi storici di rilievo che ci aiuteranno a comprenderne meglio il significato.

Aforismi, citazioni e frasi sul Lavoro

  • Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno in tutta la tua vita.
    (Confucio)
  • La vita ha due doni preziosi: la bellezza e la verità. La prima l’ho trovata nel cuore di chi ama e la seconda nella mano di chi lavora.
    (Khalil Gibran)
  • Possiamo vivere nel mondo una vita meravigliosa se sappiamo lavorare e amare, lavorare per coloro che amiamo e amare ciò per cui lavoriamo.
    (Lev Tolstoj)
  • Mi piace il lavoro, mi affascina completamente; potrei rimanere seduto per ore e ore a guardare qualcuno che lavora.
    (Jerome Klapka Jerome)
  • L’unico modo di fare un gran bel lavoro è amare quello che fate. Se non avete ancora trovato ciò che fa per voi, continuate a cercare, non fermatevi, come capita per le faccende di cuore, saprete di averlo trovato non appena ce l’avrete davanti. E, come le grandi storie d’amore, diventerà sempre meglio col passare degli anni. Quindi continuate a cercare finché non lo trovate. Non accontentatevi.
    (Steve Jobs)
  • Il lavoro è il rifugio di coloro che non hanno nulla di meglio da fare.
    (Oscar Wilde)
  • È accaduto così in tutte le epoche del mondo che alcuni hanno lavorato e altri hanno, senza lavoro, goduto di una gran parte dei frutti. Questo è sbagliato, e non deve continuare.
    (Abraham Lincoln)
  • Il lavoro consiste in qualsiasi cosa il corpo sia obbligato a fare; il divertimento consiste in qualsiasi cosa che il corpo non sia obbligato a fare.
    (Mark Twain)
  • Quando qualcuno ti chiede: “Chi sei?” e tu rispondi: “Sono un ingegnere”, dal punto di vista esistenziale la tua risposta è errata. Come potresti mai essere un ingegnere? L’ingegnere è ciò che fai, non è ciò che sei. Non chiuderti troppo nell’idea della funzione che svolgi, perché vorrebbe dire chiudersi in una prigione.
    (Osho)
  • Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno.
    (Voltaire)
  • Si sa che il lavoro ha sempre addolcito la vita: il fatto è che non a tutti piacciono i dolciumi.
    (Victor Hugo)
  • Tutti lavoriamo per arrivare al riposo: è ancora la pigrizia a renderci laboriosi.
    (Jean-Jacques Rousseau)
  • Se uno passasse un anno intero in vacanza, divertirsi sarebbe stressante come lavorare.
    (William Shakespeare)
  • Un uomo non è un pigro, se è assorto nei propri pensieri; esistono un lavoro visibile e uno invisibile.
    (Victor Hugo)
  • L’unica scusa del lavoro è la paura della noia.
    (Jules Renard)
  • Felice colui che ha trovato il suo lavoro; non chieda altra felicità.
    (Thomas Carlyle)
  • Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento, tormento di non averlo, tormento di fare un lavoro che non serva, non giovi a un nobile scopo.
    (Adriano Olivetti)
  • Senza ambizione non si inizia niente. Senza lavoro non si finisce niente. Il premio non ti sarà recapitato. Devi vincerlo.
    (Ralph Waldo Emerson)
  • Quanto più mi piace fare qualcosa, tanto meno lo chiamo lavoro.
    (Richard Bach)
  • Mi considerano pazzo perché non voglio vendere i miei giorni in cambio di oro. E io li giudico pazzi perché pensano che i miei giorni abbiano un prezzo.
    (Khalil Gibran)
  • Una persona che lavora dovrebbe avere anche il tempo per ritemprarsi, stare con la famiglia, divertirsi, leggere, ascoltare musica, praticare uno sport. Quando un’attività non lascia spazio a uno svago salutare, a un riposo riparatore, allora diventa una schiavitù.
    (Papa Francesco)
  • Prega come se tutto dipendesse da Dio. Lavora come se tutto dipendesse da te.
    (Sant’Ignazio di Loyola)
  • Io credo nel popolo italiano. È un popolo generoso, laborioso, non chiede che lavoro, una casa e di poter curare la salute dei suoi cari. Non chiede quindi il paradiso in terra. Chiede quello che dovrebbe avere ogni popolo.
    (Sandro Pertini)
  • In fin dei conti il lavoro è ancora il modo migliore di far passare la vita.
    (Gustave Flaubert)
  • Se lavorerete per il presente, il vostro lavoro resterà insignificante; bisogna lavorare pensando solamente al futuro. Forse solo in paradiso l’umanità vivrà per il presente; finora essa è sempre vissuta d’avvenire.
    (Anton Cechov)
  • Lo scopo del lavoro è quello di guadagnarsi il tempo libero.
    (Aristotele)
  • Al miei tempi… non si incontrava mai nella buona società nessuno che lavorasse per vivere. Era considerata una cosa sconveniente.
    (Oscar Wilde)
  • Tieni in pugno il tuo lavoro, o sarà lui a tenere in pugno te.
    (Benjamin Franklin)
  • Si aspira ad avere un lavoro, per avere il diritto di riposarsi.
    (Cesare Pavese)
  • Il lavoro è una manna quando ci aiuta a pensare a quello che stiamo facendo. Ma diventa una maledizione nel momento in cui la sua unica utilità consiste nell’evitare che riflettiamo sul senso della vita.
    (Paulo Coelho)
  • Bisogna lavorare, se non per gusto, almeno per disperazione. Infatti, tutto ben considerato, lavorare è meno noioso che divertirsi.
    (Charles Baudelaire)
  • Lavorare senza amore è schiavitù.
    (Madre Teresa)
  • Che terribile errore del nostro mondo, pensare che la fatica, il lavoro sia una virtù. Né l’uno né l’altra, ma piuttosto un vizio. Cristo non lavorava.
    (Lev Tolstoj)
  • L’inizio è la parte più importante del lavoro.
    (Platone)
  • Una società fondata sul lavoro non sogna che il riposo.
    (Leo Longanesi)
  • Quando un uomo ti dice che è diventato ricco grazie al duro lavoro, chiedigli: “di chi?”.
    (Don Marquis)
  • Bisogna che il governo si adoperi per trovare sorgenti di lavoro, per fare in modo che tutti gli italiani abbiano una occupazione. Questo è quello che deve fare il governo, questo è quello che deve fare il parlamento.
    (Sandro Pertini)
  • Siamo arrivati a un tal grado di imbecillità, da considerare il lavoro non solo come onorevole, ma persino come sacro, mentre non è che una triste necessità.
    (Rémy De Gourmont)
  • Si disprezzi la gente che non ha tempo. Si compiangano le persone che non hanno lavoro. Ma gli uomini che non hanno tempo per lavorare, quelli sono da invidiare.
    (Karl Kraus)
  • Il lavoro del corpo libera dalle pene dello spirito e rende i poveri felici.
    (François de La Rochefoucauld)
  • Chi non ha tempo libero non può dire di avere indipendenza. Parlano della dignità del lavoro. Sciocchezze. La verità è che il lavoro è la necessità della condizione terrena di questa povera umanità. La dignità è nel tempo libero.
    (Herman Melville)
  • Non sono né la ricchezza né la fama a dare la felicità, ma il lavoro e la tranquillità.
    (Thomas Jefferson)
  • È impossibile godere a fondo l’ozio se non si ha una quantità di lavoro da fare.
    (Jerome Klapka Jerome)
  • Il lavoro è la maledizione delle classi alcolizzate.
    (Oscar Wilde)
  • Il lavoratore, il cui compito è stato specializzato dalla permanente divisione del lavoro, ha perso l’interesse intellettuale nel suo lavoro; e questo avviene soprattutto nelle grandi industrie: egli ha perso le sue capacità creative.
    (Petr Kropotkin)
  • Niente è veramente lavoro a meno che non preferiate fare qualcos’altro.
    (James Matthew Barrie)
  • Bisogna lavorare, se non per gusto, almeno per disperazione. Infatti, tutto sommato, lavorare è meno noioso che divertirsi.
    (Charles Baudelaire)
  • Il lunedì ti giustifichi col lavoro che fai, ma la domenica che scusa hai? Orrenda domenica, nemica dell’umanità.
    (Saul Bellow)
  • Il roseo compiacimento del proprio lavoro è esclusivo retaggio dei dilettanti.
    (Emilio Cecchi)
  • Il lavoro non mi piace − non piace a nessuno − ma mi piace quello che c’è nel lavoro: la possibilità di trovare sé stessi.
    (Joseph Conrad)
  • Il lavoro intellettuale strappa l’uomo alla comunità umana. Il lavoro materiale, invece, conduce l’uomo verso gli uomini.
    (Franz Kafka)
  • Perché debbo lavorare con zelo a produrre molto, se chi produce meno di me, per incapacità reale o per pigrizia, partecipa esattamente come me al godimento dei beni? Non è meglio prender le cose con più calma, riposarsi spesso ed a lungo?
    (Federico De Roberto)
  • Ciascuno di noi deve imparare a lavorare non solo per sé, per la sua famiglia o la sua nazione, ma a favore di tutta l’umanità.
    (Dalai Lama)
  • Il lavoro non è vergogna; è l’ozio vergogna; se tu lavori, presto ti invidierà chi è senza lavoro mentre arricchisci; perché chi è ricco ha successo e benessere.
    (Esiodo)
  • L’uomo abituato al lavoro non può comprendere la vita elegante.
    (Honoré De Balzac)
  • Se non potete lavorare con amore, ma solo con riluttanza, allora è meglio lasciare il lavoro e sedere alla porta del tempio e accettare elemosine da chi lavora con gioia.
    (Kahlil Gibran)
  • Ho sempre avuto ben chiaro che dovevo lavorare, perché non esiste femminismo che si rispetti che non sia basato sull’indipendenza economica.
    (Isabel Allende)
  • Il lavoro migliore non è quello che ti costerà di più, ma quello che ti riuscirà meglio.
    (Jean Paul Sartre)
  • La razza umana è cosa uniforme. I più passano la maggior parte del tempo lavorando per vivere, e quel po’ di libertà che resta loro, li tormenta al punto da cercare ogni mezzo per liberarsene.
    (Johann Wolfgang Von Goethe)
  • Il meglio del vivere sta in un lavoro che piace e in un amore felice.
    (Umberto Saba)
  • Le cose più importanti per essere felici in questa vita sono l’avere qualcosa da fare, qualcosa da amare e qualcosa in cui sperare.
    (Joseph Addison)
  • Non mi piace il lavoro anche se è qualcun altro a farlo.
    (Mark Twain)
  • Diffida quando il lavoro di un uomo diventa più importante dei suoi obiettivi, quando l’uomo scompare dietro ai suoi doveri.
    (John Harington)
  • Il lavoro non è più rispettabile dell’alcool, e serve esattamente allo stesso scopo: distrae semplicemente la mente.
    (Aldous Huxley)
  • In linea di principio un facchino differisce da un filosofo meno che un mastino da un levriero. È la divisione del lavoro che ha creato un abisso tra l’uno e l’altro.
    (Karl Marx)
  • L’uomo sano e saggio non si allontana mai dalla ragione e non si concede nessuno svago se non quello del proprio lavoro.
    (Henry James)
  • Il frutto del lavoro è il più dolce dei piaceri.
    (Luc De Clapiers De Vauvenargues)
  • La noia è una malattia di cui il lavoro è un rimedio; il piacere è soltanto un palliativo.
    (Pierre-Marc-Gaston de Lévis)
  • In un migliore ordinamento della società il lavoro e le necessità pesanti della vita saranno affidati a chi ne soffre di meno, cioè al più insensibile, e così gradualmente su su, fino a colui che è sensibile al massimo alle specie più alte e sublimate di sofferenza e che perciò continua a soffrire anche quando la vita gli viene alleviata al massimo.
    (Friedrich Nietzsche)
  • È troppo difficile pensare nobilmente quando si pensa a guadagnarsi da vivere.
    (Jean-Jacques Rousseau)
  • Senza il rispetto di se stessi, la vera felicità difficilmente è possibile. E l’uomo che si vergogna del suo lavoro non può avere rispetto di se stesso.
    (Bertrand Russell)
  • Non ci sono lavoro stupidi, è evidente… Ma ce ne sono di quelli che vengono lasciati agli altri.
    (Miguel Zamacoïs)

Ti potrebbero interessare:

X