Le 35 più belle frasi in latino sulla Felicità (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 4 . Media: 4,25 su 5)
Loading...
Le 35 più belle frasi in latino sulla Felicità (con traduzione)
Banchetto nuziale (Raffaello Sanzio)

Per ognuno di noi la felicità è un punto di arrivo importante nella vita, ma quando discutiamo su cos’è esattamente e su come la si possa ottenere ognuno ha una risposta diversa.

Fin dalle più antiche civiltà la felicità è al centro delle attenzioni di tanti filosofi e poeti, in particolare per quelli della civiltà romana, alla quale siamo ancora molto legati culturalmente nonostante siano passati ormai molti secoli.

Ecco quindi una selezione delle più belle frasi in latino sulla felicità che potranno aiutarci a capire come raggiungerla anche solo per un breve istante. Scoprile subito!

Proverbi, citazioni e frasi in latino sulla felicità (con traduzione)

  • In virtute posita est vera felicitas.
    La felicità vera è nella virtù.
    (Lucio Anneo Seneca)
  • Nemo potest non beatissimus esse, qui est totus aptus ex sese, quique in se uno sua ponit omnia.
    È impossibile che non sia felice chi dipende totalmente da se stesso e che punta tutto soltanto su di sé.
    (Marco Tullio Cicerone)
  • Etiam nimia peritur laetitia.
    Anche la troppa felicità può uccidere.
  • Natale solum dulcedine cunctos ducit.
    La terra dove si è nati dà a tutti felicità.
  • Non semper temeritas est felix.
    Non sempre la temerità porta alla felicità.
    (Tito Livio)
  • Fel latet in melle, et mel non bibitur sine felle.
    Nessun piacere senza dolore.
  • Ita divis est placitum, voluptatem ut maeror comes consequatur.
    Così è piaciuto agli dei, che il dolore sia compagno del piacere.
  • Gaudii comes maeror.
    Il dolore è compagno della gioia.
  • Natura diverso gaudet.
    Ogni cambiamento è fonte di gioia.
  • Donec eris felix, multos numerabis amicos, tempora si fuerint nubila, solus eris.
    Finché sarai felice, conterai molti amici, ma se i tempi si fanno più grigi, sarai solo.
    (Ovidio)
  • Non, si male nunc est, olim sic erit.
    Gioia e sciagura sempre non dura.
  • Felix est non aliis qui videtur, sed sibi.
    È felice colui che si ritiene tale.
  • Non est beatus, esse qui se non putat.
    Non è felice chi non si considera felice.
    (Publilio Siro)
  • Numquam non miser est, qui quod timeat cogitat.
    Non è mai felice chi pensa alle sue paure.
    (Publilio Siro)
  • Patiens et fortis se ipsum felicem facit.
    L’uomo paziente e forte si costruisce la propria felicità.
    (Publilio Siro)
  • Felix qui nihil debet.
    Felice è colui che non deve nulla a nessuno.
  • Liber inops servo divite felicior.
    È più felice un povero libero che uno schiavo ricco.
  • Est felicibus difficilis miseriarum vera aestimatio.
    A chi è felice è difficile avere una vera comprensione della miseria.
    (Quintiliano)
  • Nemo ante mortem beatus.
    Nessuno può dirsi felice finché vive.
  • Omnis instabilis et incerta felicitas est.
    La felicità è sempre instabile e incerta.
    (Lucio Anneo Seneca)
  • Nemo est infelicitati propinquior, quam felix.
    Nessuno è così vicino ad essere infelice quanto colui che è felice.
  • Contra felicem vix deus vires habet.
    Contro un uomo felice anche un dio, a stento, ha la meglio.
    (Publilio Siro)
  • Felix est non aliis qui videtur, sed sibi.
    È felice colui che si ritiene tale.
  • Felix qui nihil debet.
    Felice è colui che non deve nulla a nessuno.
  • Nulli necesse est felicitatem cursu sequi.
    Nessuno è obbligato a correre sulla via del successo.
    (Lucio Anneo Seneca)
  • Felix sine socera uxor.
    Solo la moglie senza suocera è felice.
  • Inritare est calamitatem, cum te felicem voces.
    Dichiararsi felici equivale ad attirarsi disgrazie.
    (Publilio Siro)
  • Invidiam ferre aut fortis aut felix potest.
    L’invidia può sopportarla solo chi è forte o felice.
    (Publilio Siro)
  • Mori est felicis, antequam mortem invocet.
    È felice chi muore prima di arrivare ad invocarla.
    (Publilio Siro)
  • Felix sua sorte contentus.
    Chi si accontenta gode.
  • Felix, quem faciunt aliena pericula cautum.
    Felice è colui che impara a spese di altri.
  • Numquam felix eris, dum te torquebit felicior.
    Non sarai mai felice, finché ti tormenterai perché un altro è più felice.
    (Lucio Anneo Seneca)
  • Donec eris felix, multos numerabis amicos, tempora si fuerint nubila, solus eris.
    Finché sarai felice, conterai molti amici, ma se i tempi si faranno più grigi, sarai solo.
    (Ovidio)
  • Felix inprobitas optimorum est calamitas.
    La felicità del malvagio è sciagura per gli onesti.
    (Publilio Siro)
  • Semper beatam se putat benignitas.
    La bontà è artefice della propria felicità.
    (Publilio Siro)
  • Beatius est magis dare quam accipere.
    Da più piacere dare che chiedere. Dare è cuore, chiedere è dolore.
  • Laetitiae proximus fletus.
    Dal riso alle lacrime il passo è breve.
  • Animus gaudens aetatem floridam facit.
    L’allegria mantiene giovani.

Ti potrebbero interessare:

X