Proverbi, Frasi e Poesie in Napoletano sulla Mamma: le 15 più belle

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 2 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Proverbi, Frasi e Poesie in Napoletano sulla Mamma: le 15 più belle

La figura della mamma è molto venerata in Italia e in particolare in una città come Napoli, i cui abitanti sono famosi per la capacità di esternare i loro sentimenti.

Inoltre, la lingua napoletana è per sua natura notevolmente carica di pathos e si presta perfettamente a trasmettere emozioni e parole piene di affetto.

Ecco quindi una selezione di proverbi, frasi e poesie in napoletano sulla mamma da dedicare alla donna che ci ha cresciuto, ma anche molto utili per riflettere sull’importanza di questo ruolo familiare. Scoprile subito!

Proverbi, frasi e poesie in napoletano sulla mamma (con traduzione)

  • Ammore ‘e mamma nun te ‘nganna.
    L’amore di una mamma non ti inganna.
  • O figlio muto ‘a mamma ‘o ‘ntenne.
    Una madre capisce anche un figlio muto.
  • ‘A mamm’ è semb’ ‘a mamm’.
    La mamma è sempre la mamma.
  • Ògne scarrafóne è bbèllo ‘a màmma sóia.
    Chiunque è bello agli occhi della propria madre.
  • Chi tene ‘a mamma nun chiagne.
    Non c’è dolore che il conforto e l’affetto di una madre non possano lenire.
  • Na mamma è bbona pe ciente figli, ciente figli nun sò bbuoni pe na mamma.
    Una mamma basterebbe a cento figli e cento figli non basterebbero ad una mamma.
  • ‘A mamma guarda ‘a faccia, a mugliera guarda ‘e mmane.
    La mamma si preoccupa delle preoccupazioni del figlio, la moglie guarda i guadagni.
  • Chi te vo’ bene cchiù de mamma, te ‘nganna.
    Chi dice di volerti più bene di tua mamma, ti inganna.
  • Chi tene ‘a mamma
    è ricche e nun ‘o sape;
    chi tene ‘a mamma
    è felice e nun ll’apprezza
    Pecchè ll’ammore ‘e mamma
    è ‘na ricchezza
    è comme ‘o mare
    ca nun fernesce maje.
    Pure ll’omme cchiù triste e malamente
    è ancora bbuon si vò bbene ‘a mamma.
    ‘A mamma tutto te dà,
    niente te cerca
    E si te vede e’ chiagnere
    senza sapè ‘o pecché…
    T’a stregne ‘mpiette
    e chiagne ‘nsieme a te!

    (Salvatore Di Giacomo – ‘A mamma)
  • Nun te può ‘nganna l’ammore e’ mamma.
    Solamente l’amore materno è sincero.
  • È meglio ca more ‘nu bbuon pate che ‘na cattiva mamma.
    Un figlio preferirebbe la morte di un buon padre piuttosto che quella di una cattiva madre.
  • ‘A Mamma è n’ata cosa: ‘o cereviello,
    ll’asse d’a casa, ‘o sciato, ll’armunia;
    è chella ca cumanna ‘a cumpagnia:
    sta ‘ncapa ò capo ‘e casa, è nu cappiello.
    Attuorno tene sempe nu ruciello,
    abbada a mille cose, fa ‘a Maria;
    e si nun sbatte pè na malatia,
    va ascianno sempe ll’ago cu ‘o rucchiello.
    A chi nu punto, a chi na cera storta,
    a chi nu vaso, a chi n’avvertimento.
    E se capisce ‘a mamma quanno è morta,
    quanno nun ce sta cchiù sta scucciantona:
    ca pare ca t’accide ogne mumento
    e, doppo nu minuto, te perdona.

    (Raffaele Viviani – ‘A mamma)
  • ‘A mamma d’ ‘e strunze è sempre prena.
    La mamma degli imbecilli è sempre incinta.
  • ‘A mugliera è comme ‘a mamma: o sana ‘o malato o ‘nce ‘o manna.
    Le cure della moglie sono come quelle della mamma, o ti guariscono o ti fanno ammalare.
  • So’ mamma! Sta parola è ‘nu dulore
    quanno p’ ‘e figlie nun nce sta cchiù ppane.
    T’ ‘e strigne mpietto: gioia ‘e mamma, ammore…
    forze, se magnarrà quann’è dimane!
    Dimane!? e tu te siente squartà ‘o core,
    te guardano, chiagnenno, mmiezo ‘e mmane!
    Piatà! St’aneme ‘e Ddio cu ‘e carne ‘a fore
    mme morono, tremmanno comme ‘e cane!
    E ‘st’angiulillo?… Peppeniello mio!
    no, nun murì, mamma te tene nzino
    nfunnenno ‘e chiante ‘e ricciulille d’oro.
    Pe’ carità, v’ ‘o cerco a nomme ‘e Ddio,
    sarvate ‘e criature, e si è destino,
    Marò! tu lievammenne nzieme a loro!

    (Giovanni Capurro – Core ‘e mamma)
  • Tale ‘a vite, tale ‘a magliole; comm’è ‘a mamme, vène ‘a figliole.
    Tale la vite, tale il tralcio; come è la madre viene la figlia.
X