Frasi Mania > Belle > Aforismi Napoletani: i 25 più belli e divertenti

Aforismi Napoletani: i 25 più belli e divertenti

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)
Ultimo aggiornamento: 23 Giugno 2024
Di: Luca Carlo Ettore Pepino
Aforismi Napoletani

Il napoletano è molto di più un dialetto, ma una lingua in quanto dispone di una struttura grammaticale propria, di un vocabolario molto ricco e di una storia indipendente.

Inoltre, il napoletano ha una ricca tradizione letteraria e artistica che comprende poesia, teatro, canzoni e molto altro.

Ecco quindi i più famosi aforismi napoletani su diversi argomenti come la vita, l’amore, l’amicizia e tanto altro scritti da autori e personaggi famosi di Napoli. Scoprili subito!

Aforismi Napoletani

Trova articoli simili in:

Ogni scarrafone è bello ‘a mamma soja.
Per una mamma suo figlio sarà sempre bello.

Ccà nisciuno è fesso.
Qui nessuno è stupido.

‘A vita è tosta e nisciuno ti aiuta, o meglio ce sta chi t’aiuta ma una vota sola, pe’ puté di’: “t’aggio aiutato”.
La vita è dura e nessuno ti aiuta, o meglio c’è chi ti aiuta ma una volta sola, per poterti dire: “ti ho aiutato”.
(Eduardo De Filippo)

'A vita è tosta e nisciuno ti aiuta, o meglio ce sta chi t'aiuta ma una vota sola, pe' puté di':

L’amico è comme’ ‘o ‘mbrello: quannno chiove nun o truove maje.
L’amico è come l’ombrello: quando piove non lo trovi mai.

Chi chiagne fotte a chi ride.
Chi piange frega chi ride.

E figlie so’ ppiezz”e còre.
I figli sono pezzi del proprio cuore.

E solde fann venì a’ vista ‘e cecate.
I soldi fanno tornare la vista ai ciechi.

Pigliammo sta vita cumme vene, lassammo for’ ‘a porta ‘a pucundria mparammice a campà c’ ‘a fantasia: nce sta cosa cchiù bella pe campà?
Prendiamo questa vita come viene, lasciamo fuori dalla porta la malinconia impariamo a vivere con fantasia: non c’è cosa più bella per vivere?
(Eduardo De Filippo)

Nun sputà n’ciel ca n’facc te torna.
Non sputare in cielo perché in faccia ti torna.

Si può voler bene a tante persone, ma l’amore Ninnè… l’ammor è n’ata cos!
Si può voler bene a tante persone, ma l’amore Ninnè… l’amore è un’altra cosa!
(Sophia Loren)

Si può voler bene a tante persone, ma l'amore Ninnè... l'ammor è n'ata cos!

‘O sparagno nun è maje guadagno.
Il risparmio non è mai guadagno.

A vita è nu viaggio che prima o dopo finisce… Sorridi spesso… Magnete e sold quann ‘e tien… Fa semp tutt chell ccá t’é piacé… E nun pensá a nisciun’…!
La vita è un viaggio che prima o poi finisce… Sorrido spesso… Mangiati i soldi quando li hai… Fai sempre tutto ciò che ti piace… E non pensare a nessuno…!
(Massimo Troisi)

Ha da passa’ ‘a nuttata.
Deve passare la nottata. Ovvero: verranno tempi migliori.

A conferenza è padrona d’a mala crianza.
La confidenza porta alla maleducazione.

L’ignorante parla a vanvera. L’intelligente parla poco. ‘O fesso parla sempre.
L’ignorante parla a vanvera. L’intelligente parla poco. Lo stupido parla sempre.
(Totò)

A meglio parola è chella ca nun se dice.
La parola migliore è quella non detta.

‘O cummanna’ è meglio d’ ‘o fottere.
Comandare è meglio che fottere.

Chi nun sape chiagnere nun sape manche rirere.
Chi non sa piangere non sa neanche ridere.

Ogni capa è ‘nu tribunale.
Ogni testa è un tribunale. Ovvero: siamo tutti pronti a giudicare gli altri.

‘O ricco po’ addiventa’ povero, ‘o povero po’ addiventa’ ricco, ma ‘o scemo è sempe scemo.
Il ricco può diventare povero, il povero può diventare ricco, ma lo scemo resterà sempre scemo.
(Totò)

'O ricco po' addiventa' povero, 'o povero po' addiventa' ricco, ma 'o scemo è sempe scemo.

Mo ce ripigliamm’ tutt’ chell che è ‘o nuost’.
Adesso ci riprendiamo tutto quello che è nostro.
(Dalla Serie TV “Gomorra”)

Co ‘a vocca chiusa nun traseno mosche.
Con la bocca chiusa le mosche.

Attacca ‘o ciuccio addo dic’ o padrone.
Metti l’asino lì dove ti dice il padrone.

Chiu ‘a cap è vacant chiu ‘a lengua è long.
Più la testa è vuota, più la lingua è lunga.

Si ‘a guerra se perde l’ha perduta ‘o popolo; e si se vence, l’hanno vinciuta ‘e prufessure.
Se si perde la guerra l’ha persa il popolo, se si vince, l’hanno vinta i professori.
(Eduardo De Filippo)

‘A gatta, pe gghì ‘e pressa, facette ‘e figlie cecate.
La gatta per la fretta fece i figli ciechi. Ovvero: la fretta è una cattiva consigliera.

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat.
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato.

Lietto astritto, cuccate ammiezo.
Quando il letto è stretto, coricati al centro.

Chi nun sta ‘a sentì a mamma e pate va a murì addò nun sape.
Chi non ascolta la madre e il padre va a morire non si sa dove.

Dicette o pappice vicino a’ noce, ramm’ o tiemp’ ca te sportose
Disse il verme alla noce: dammi il tempo necessario e alla fine riuscirò a perforare il tuo guscio.

X