Frasi di Eraclito: le 45 più belle e famose (con immagini)

Frasi di Eraclito
Eraclito (Johannes Moreelse)

Eraclito è stato uno dei più importanti filosofi dell’antica Grecia su cui aleggia un certo mistero in quanto dei suoi testi restano solo i “Frammenti”, scritti in modo particolarmente ermetico e criptico.

Vissuto tra il VI e il V secolo a.C., si isolò completamente nello sforzo di pensare all’esser umano, alla realtà e alla ragione.

Ecco quindi le più belle e famose frasi di Eraclito che ne mettono in luce la filosofia e il carattere leggendario. Scoprile subito!

Aforismi, citazioni e frasi di Eraclito

Tutto scorre.
(“Panta rhei”, in greco antico “πάντα ῥεῖ” – Attribuita).

Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare.

Il sole è nuovo ogni giorno.

Frasi sole nuovo Eraclito

L’uomo è più vicino a se stesso quando raggiunge la serietà di un bambino intento nel gioco.

Rispetto a tutte le altre una sola cosa preferiscono i migliori: la gloria eterna rispetto alle cose caduche; i più invece pensano solo a saziarsi come bestie.

Non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume.

Nessun uomo può bagnarsi nello stesso fiume per due volte, perché né l’uomo né le acque del fiume sono gli stessi.

Ogni giorno, quello che scegli, quello che pensi e quello che fai è ciò che diventi.

Frasi ogni giorno diventi Eraclito

La nostra invidia dura sempre più a lungo della felicità di quelli che invidiamo.

La medesima cosa sono il vivente e il morto, il desto e il dormente, il giovane e il vecchio: questi difatti mutando sono quelli e quelli di nuovo mutando sono questi.

A ogni uomo è concesso di conoscere se stesso e diventare saggio.

Nulla è permanente tranne il cambiamento.

Nulla è durevole quanto il cambiamento. Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare. Tutto fluisce, nulla resta immutato.

La guerra è madre di tutte le cose e di tutte regina: gli uni rende dèi, gli altri uomini, gli uni fa schiavi, gli altri liberi.

Senza la speranza è impossibile trovare l’insperato.

I cittadini dovrebbero lottare per la difesa delle proprie leggi con un ardore pari a quello per la difesa delle proprie mura, non essendo quelle meno necessarie di questi per la conservazione di una città.

Per i desti uno e comune è il cosmo, ma nel sonno si volgono ciascuno al proprio mondo.

Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.

Frasi verità accettare Eraclito

I porci godono della melma più che dell’acqua pura.

La malattia rende la salute piacevole e buona, la fame la sazietà, la fatica il riposo.

Io stesso muto nell’istante in cui dico che le cose mutano.

In una cosa consiste la sapienza, nel riconoscere l’intelligenza che governa tutte le cose attraverso tutte le cose.

Gli asini preferirebbero la paglia all’oro.

La via in salita e la via in discesa sono un’unica via.

Unico e comune è il mondo per coloro che sono desti.

L’uomo più saggio davanti al dio sembrerà una scimmia, per saggezza, per avvenenza e per ogni altra cosa.

Dura è la lotta contro il desiderio, che ciò che vuole lo compra a prezzo dell’anima.

Morte è quanto vediamo stando svegli, sonno quanto vediamo dormendo.

Ciò che è opposto si concilia, dalle cose in contrasto nasce l’armonia più bella, e tutto si genera per via di contesa.

Bisogna volere l’impossibile, affinché l’impossibile accada.

Frasi impossibile Eraclito

L’erudizione non educa la mente.

Se la felicità fosse nei piaceri del corpo, diremmo felici i buoi, quando trovano veccie da mangiare.

Le opinioni degli uomini sono trastulli di bimbi.

La natura ama nascondersi.

Per quanto tu cammini, anche percorrendo ogni strada, non potrai raggiungere i confini dell’anima: tanto è profonda la sua vera essenza.

Ciò che è freddo si scalda, ciò che è caldo si fredda, l’umido si secca, l’asciutto si inumidisce.

Gli occhi sono testimoni più fedeli delle orecchie.

È meglio nascondere la propria ignoranza.

Ciò che è freddo si scalda, ciò che è caldo si fredda, l’umido si secca, l’asciutto si inumidisce.

Non c’è realtà permanente ad eccezione della realtà del cambiamento; la permanenza è un’illusione dei sensi.

L’armonia nascosta vale di più di quella che appare.

Somigliano ai sordi quelli che dopo aver udito non hanno comprensione; di loro è testimone il detto: pur essendo presenti, sono assenti.

Il fuoco vive della morte della terra e l’aria vive della morte del fuoco; l’acqua vive della morte dell’aria, la terra della morte dell’acqua.

Il mare è l’acqua più pura e più impura: per i pesci essa è potabile e conserva loro la vita, per gli uomini essa è imbevibile e esiziale.

Questo mondo, che è lo stesso per tutti, non lo fece alcuno degli dèi, né alcuno degli uomini, ma è sempre stato ed è e sarà fuoco eternamente.

Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato, ma a causa dell’impetuosità e della velocità del mutamento essa si disperde e si raccoglie, viene e va.

X