Frasi in Latino su Roma: le 25 più belle e famose (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 3 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Frasi in Latino su Roma: le 25 più belle e famose (con traduzione)

Roma è una citta le cui origini sono antichissime. La sua fondazione è datata nell’anno 753 a. C. e da allora è stata al centro dei libri di storia, fino al giorno d’oggi. Capitale dell’Impero romano, influenzò la cultura, la società la filosofia, la religione e il diritto di tutto il resto del mondo.

Questa città, grazie alla sua lunga storia, si è guadagnata l’appellativo (non da poco) di “Città Eterna”. La sua potenza al tempo dell’Impero portò al diffondersi della lingua latina in gran parte dell’Europa e lungo tutte le coste del Mediterraneo. Col passare dei secoli divenne prima la città dello Stato Pontificio e poi la capitale della Repubblica Italiana.

Qui di seguito una raccolta delle più belle e importanti frasi in latino su Roma pronunciate da grandi scrittori e personaggi storici dell’Impero romano. Eccole!

Proverbi, citazioni e frasi in latino su Roma e i Romani (con traduzione)

Roma caput mundi.
Roma capitale del mondo.

Non fuit in solo Roma peracta die.
Roma non fu costruita in un giorno.

Omnia Romae | cum pretio.
A Roma tutto ha un prezzo.
(Decimo Giunio Giovenale)

[B]eatam urbem Romanam et invictam et aeternam illa concordia dicere.
Roma, città fortunata, invincibile e eterna.
(Tito Livio)

Et facere et pati fortia romanum est.
È da Romano compiere e patire cose forti.
(Tito Livio)

Magnae spes altera Romae.
Seconda speranza della grande Roma.
(Virgilio)

Roma caput mundi regit orbis frena rotundi.
Roma capitale del mondo regge le redini dell’orbe rotondo.

Nemo Romanorum pacis mentionem habere dignatus est.
Nessuno dei Romani si degnò far menzione della pace [Dopo la sconfitta di Canne i romani si prepararono alla riscossa].
(Eutropio)

SPQR [Senatvs PopvlvsQve Romanvs].
Il Senato e il Popolo Romano [le due classi dei patrizi e dei plebei che erano alla base dello Stato romano].

Sit Romana potens Itala virtute propago.
D’Italica forza possente sia la stirpe di Roma.
(Publio Virgilio Marone)

Ignarus rediit Romam deductus asellus.
Chi bestia va a Roma, bestia ritorna.

Roma locuta, causa finita.
Roma si è espressa, questione chiusa.

Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur.
Mentre a Roma si delibera, Sagunto è espugnata.
(Tito Livio)

Roma quanta fuit, ipsa ruina docet.
Quanto grande fu Roma lo insegnano le sue stesse rovine.

Roma traditoribus non premia.
Roma non premia i traditori.

Et facere et pati fortia Romanum est.
È tipico dei Romani saper agire e soffrire in grande.
(Tito Livio)

O fortunatam natam me consule Romam!
O fortunata Roma, nata sotto il mio consolato!
(Marco Tullio Cicerone)

Civis romanus sum.
Sono cittadino di Roma.
(Marco Tullio Cicerone)

[B]revis et infaustos populi Romani amores.
[B]revi e funesti erano gli amori del popolo romano.
(Publio Cornelio Tacito)

O urbem venalem et cito perituram, si emptorem invenerit.
Città in vendita, andrai presto in rovina, se si troverà uno in grado di comperarti.
(Tito Livio)

Alme Sol, curru nitido diem qui promis et celas aliusque et idem nasceris, possis nihil urbe Roma visere maius.
Sole fecondo, che col carro ardente porti e nascondi il giorno, e nuovo e antico rinasci, nulla piú grande di Roma possa mai tu vedere!
(Quinto Orazio Flacco)

Quid melius Roma?
Che cosa, migliore di Roma?
(Publio Ovidio Nasone)

Abi, nuntia […] Romanis, caelestes ita velle ut mea Roma caput orbis terrarum sit.
Va’ e annuncia ai Romani che la volontà degli dèi celesti è che la mia Roma diventi la capitale del mondo.
(Tito Livio)

Ab exiguis profecta initiis eo creverit ut iam magnitudine laboret sua.
Una città che, partita da modestissimi inizi, è tanto cresciuta da essere ormai oppressa dalla sua stessa grandezza.
(Tito Livio)

Tantae molis erat Romanam condere gentem.
Di tanto momento era il fondare il popolo di Roma.
(Publio Virgilio Marone)

Urbs aeterna.
Città eterna.

X