Frasi sulla Vita in Napoletano: le 50 più belle di sempre (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 4 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Frasi sulla Vita in Napoletano: le 50 più belle di sempre (con traduzione)

Il dialetto napoletano è sicuramente uno dei più diffusi e colorati del nostro Paese. Oltre ad essere una vera e propria lingua, il napoletano è anche espressione della cultura popolare della città di Napoli.

Nei tanti proverbi napoletani sono presenti tutte le sfumature che contraddistinguono il modo di pensare e di vivere la vita dei partenopei.

Qui di seguito una raccolta di proverbi e frasi sulla vita in napoletano che ci mostrano tutti i consigli per capirne meglio il senso e vivere al meglio la nostra, frutto di questa cultura popolare dalle origini antiche. Eccole!

Proverbi frasi sulla vita in napoletano (con traduzione)

  • A vita è tosta e nisciuno t’aiuta, e si ‘na vota quaccuno t’aiuta è pe’ te dicere “t’aggio aiutato”.
    La vita è dura e nessuno ti aiuta, e se qualcuno una volta ti aiuta è per dirti “ti ho aiutato”.
  • È meglio a zuppecà’ ca a nun cammenà’.
    È meglio zoppicare che non camminare. Nella vita bisogna sempre accontentarsi.
  • So’ cadute l’anielle, ma so’ restate ‘e ddéte!
    Sono caduti gli anelli ma sono rimaste le dita. È arrivata d’improvviso la povertà, ma resta ancora la possibilità di rifarsi una vita.
  • Da cà a dimane nasceno ciente pape.
    Da qui a domani nascono cento papi. Tutto può accadere in poco tempo.
  • Quann’ ‘o mare è calmo, ogni strunz è marenaro.
    Quando il mare è calmo, ogni stupido è marinaio.
  • ‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo.
    Il pesce grande mangia il piccolo.
  • Meglio murí sazzio ca campà diúno.
    Meglio morire sazio, che vivere a digiuno.
  • Nun se fa niente pe’ ssenza niente.
    Non si fa niente per niente.
  • Tutto ‘o lassato è perduto.
    Tutto il lasciato è perso. Ciò che ci si è perso è perso per sempre.
  • Nun vàlene tanta sunate ‘i campane, quant’a na bona calata ‘i sole!
    Non valgono tanti rintocchi a distesa di campane, quanto un buon tramonto! Non conta tanto aver vissuto una vita colma di successi, quanto morire onoratamente.
  • Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.
    Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca. È folle rischiare, ma lo è altrettanto non prendere mai rischi.
  • E chiacchiere s’ ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza.
    Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia. Le parole sono inconsistenti.
  • Quànno ‘o cùlo se fa pesànte ce ne iàmmo p’e sànte.
    Quando il sedere diventa pesante andiamo dai santi. Verso la fine della vita spesso ci si accosta alla religione.
  • A’ vita è n’apertura e cosce e ‘na chiusura e cascia.
    La vita è un’apertura di cosce e una chiusura di cassa. Inizia con un rapporto sessuale e termina con una bara.
  • Chi nasce afflitto more scunzulato.
    Chi nasce pessimista, muore sconsolato.
  • Faccia tosta campaje, faccia moscia murette.
    La faccia tosta visse, il timido morì. Nella vita bisogna essere sfacciati.
  • Nun sputà n’ciel ca n’facc te torna.
    Non sputare in cielo perchè in faccia ti torna, ovvero nella vita non si deve “sputare” sulle cose buone perché se ne avrebbe danno.
  • ‘A lira fa ‘o ricco, a crianza fa o’ signore.
    I soldi fanno il ricco, ma è l’educazione a fare il signore.
  • Frije ‘e pisce e guarda ‘a jatta.
    Friggi il pesce, ma guarda alla gatta. Mentre gioiamo di qualcosa di buono, non dimentichiamo dal guardarci da chi potrebbe portarcelo via.
  • ‘A barca storta ‘o puorto deritto.
    A barca storta il porto diritto. Per chi conduce una vita disordinata la fortuna è propizia.
  • ‘A meglia vita è chella d’ ‘e vaccàre, pecchè tutta ‘a jurnàta manèano zizze e denare.
    La migliore vita è quella dei mandriani, perché tutta la giornata maneggiano mammelle (per la mungitura) e soldi (i proventi della loro attività).
  • ‘A vita è comme ‘a scala do vallenaro: è corta e chiena ‘e merda.
    La vita è come la scala del pollaio: è breve e piena di merda.
  • ‘A vita è ‘n’affacciata ‘e fenesta.
    La vita è un affacciarsi alla finestra. La vita è breve, una fugace visione che presto svanisce.
  • Bona vita e tristo testamiento.
    Bella vita e triste testamento. Chi si gode troppo la vita non lascia niente agli eredi.
  • Vide Napole, e po muore.
    Vedi Napoli, e poi muori.
  • Besogna ajutarse a ccauce e a mmuorze.
    Nella vita bisogna aiutarsi a calci ed a morsi. Sfruttare tutti i propri mezzi.
  • Fatte curaggio ca ‘a vita è nu passaggio.
    Fatti coraggio e non disperarti perché la vita è solo un passaggio.
  • Int’ ‘a vita tutto po’ essere, tranne ca l’ommo prèno.
    Nella vita tutto può accadere, tranne che l’uomo s’ingravidi.
  • Pe’ mare nun ce stanno taverne.
    Nel mare non si trovano taverne. La vita dei pescatori è fatta di duro lavoro, senza svaghi.
  • ‘U cchiù doce d’ ‘a vita è ‘u ddurmi’.
    Il sonno è quanto c’è di meglio nella vita.
  • A vocca ‘nchiusa nun traseno mosche.
    Nella bocca chiusa non entrano le mosche. È meglio tacere, che dire cretinate.
  • Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.
    Chi nasce asino, asino rimane.
  • Chi tròppo vo’ magnà s’affòca.
    Chi è troppo avido nel mangiare si strozza.
  • Chi nasce p’a’ forca nun more pe’ mare.
    Chi nasce per la forca non può morire in mare. Non puoi cambiare il tuo destino.
  • A chi tanto, e a chi niente.
    La vita è ingiusta.
  • Nce stanne chù ghiuorne ca ppurpette – devette Carnuale!
    Ci sono più giorni che polpette – disse Carnevale! Nella vita sono più i giorni di magra e di privazione, che quelli di abbondanza.
  • ‘A cicala canta, canta e po’ schiàtta.
    La cicala canta, e poi muore. Bisogna pensare al domani.
  • Varca storta viaggia deritto.
    Barca storta viaggia dritto. Quello che all’inizio sembrava mal riusciti e poi invece si avvia correttamente.
  • Quanno ‘a furmicula mette ‘e scelle, è segno ca vo’ muri’.
    Quando una formica mette le ali, è segno che vuole morire. Quando vuoi fare qualcosa contro la tua natura puoi rischi la vita.
  • Ntiempo’e tempesta, ogne pertuso è puorte’.
    In tempo di bufera ogni pertugio è porto. In tempi difficili anche il più piccolo appiglio è una salvezza.
  • Chi pecora se fa, ‘o lupo s’ ‘o magna.
    Chi si fa pecora, il lupo se la mangia. Chi assume un atteggiamento dimesso, verrà sopraffatto dal più forte.
  • Chi chiagne fotte a chi ride.
    Chi piange frega a chi ride.
  • Meglio nu ciuccio vivo, ca nu duttore muorto.
    Meglio un asino vivo che un dottore morto.
  • Pigliate ‘a bona quanno te vene, ca ‘a malamente nun manca maje.
    Prenditi la buona occasione quando puoi, perché la cattiva non manca mai.
  • Chi gliotte sano, more affocato.
    Chi inghiotte sano, muore soffocato. Chi scialacqua tutto quello che possiede finisce per restare senza niente.
  • Dicette ‘o pappavallo: chi vo’ campà felice vere ‘o stuorto e nun adda ricere.
    Disse il pappagallo: chi vuole vivere felice vede ciò che va male e non lo deve dire. Per vivere felici è meglio far finta di non accorgersi di quello che non va.

Ti potrebbero interessare:

X