Indovinelli per Bambini: i 100 più belli e più adatti tra i 5 e i 12 anni

Indovinelli per Bambini

Gli indovinelli sono un esercizio molto semplice ed efficace che fa lavorare la mente dei bambini e li aiuta a sviluppare in modo divertente le loro capacità di logica e di creatività.

Inoltre, gli indovinelli sono dei giochi che possono essere fatti un po’ ovunque, basta ricordarseli a memoria o annotarseli sullo smartphone.

Ecco quindi una raccolta dei migliori indovinelli per bambini (con soluzione), dai più semplici a quelli che richiedono uno sforzo maggiore, adatti per tutti gli anni dell’infanzia. Scoprili subito!

Indovinelli per bambini

Ha la vita appesa ad un filo. Chi è?
Il ragno.

Cosa pesa di più, un chilo di piume o un chilo di mattoni?
Pesano entrambi un chilo.

Ha sei zampe e porta fortuna. Chi è?
La coccinella.

Ha quattro gambe ma non può camminare. Cos’è?
Il tavolo.

Passa attraverso il vetro, ma senza romperlo. Cos’è?
La luce.

Entra solo se le giri la testa. Cos’è?
La vite.

Esce solo quando piove. Cos’è?
L’ombrello.

Ha il cavallo, ma non è un cavaliere. Cosa sono?
I pantaloni.

Cade sempre dalle nuvole. Cos’è?
La pioggia.

Ha i denti, ma non morde. Cos’è?
Il pettine.

Coi mestieri che fa l’importanza ce l’ha, e se in scatola è messo. non vuol dire che è fesso. Cos’è?
Il cervello.

Sono due sorelle che corrono e si guardano, ma non si toccano mai. Cosa sono?
Le sponde del fiume.

Abbiamo le gambe, ma non abbiamo i piedi, sappiamo camminare e anche correre o volare.
I pantaloni.

Chi ci nasce è fortunato. Cos’è?
La camicia.

Al suo passaggio tutti si tolgono il cappello. Chi è?
Il pettine.

Contiene dello zucchero, ma non è dolce.
La zuccheriera.

Anche al buio è sempre attraente.
La calamita.

Chi è il fratello di mia sorella che non è anche mio fratello?
Sono io.

Appartiene solo a te, ma che gli altri usano più di te.
Il tuo nome.

Ci sei dentro, ma non puoi entrarci. Cos’è?
Lo specchio.

Ha i raggi, ma non splende. Cos’è?
La ruota.

Non ha prurito, però si gratta. Cos’è?
Il formaggio.

Arriva solo se hai gli occhi chiusi. Cos’è?
Il sonno.

Più è grande e meno si vede. Cos’è?
Il buio.

Ha il collo, ma non ha l atesta. Cos’è?
La bottiglia.

Viaggiano sulla slitta di Babbo Natale, ma non sono i suoi elfi. Cosa sono?
I regali.

Si gratta le orecchie col naso. Chi è?
L’elefante.

Cos’è bianco quando è sporco?
La lavagna.

Canta quando tutti dormono. Chi è?
Il gallo.

Cosa si rompe se non viene tenuta?
Una promessa.

Che cosa c’è due volte a giugno, una volta ad agosto, ma mai ad ottobre?
La lettera “G”.

Ho la lingua ma sono senza bocca. Chi sono?
La scarpa.

Ho la barba lunga mi consumo se mi sfregi. Sono un cavallo per le streghe. Chi sono?
La scopa.

D’inverno cola spesso, ti accompagna ad ogni lacrima, quando ti pizzica lo puoi soffiare, senza lo specchio non lo puoi osservare. Chi è?
Il naso.

Ho la testa fuori e il corpo dentro. Chi sono?
Il chiodo.

Ho qualcosa nella tasca, ma la tasca è vuota. Cos’è?
Un buco.

Cosa viene una volta in un minuto, due volte in un momento e mai in cento anni?
La lettera “M”.

Chi si spoglia quando fa freddo?
L’albero.

Quanti mesi hanno 28 giorni?
Tutti e 12.

Ha una coda che non potrà mai muovere. Cos’è?
Il pianoforte.

Ha un letto, ma non ci dorme. Cos’è?
Il fiume.

Perché un fenicottero solleva solo una gamba?
Perché se le sollevasse entrambe cadrebbe.

Si tuffa senza bagnarsi. Chi è?
Il portiere di una squadra di calcio.

ha due ali ma non ha piume. Cos’è?
L’aeroplano.

La scarti anche se ti piace. Cos’è?
La caramella.

Lo puoi prendere, ma non lo puoi gettare?. Cos’è?
Il raffreddore.

È tuo, ma lo usano sempre gli altri. Cos’è?
Il tuo nome.

Lo pianti, ma non cresce. Cos’è?
Il chiodo.

C’è nella rugiada, e anche nella brina; però, manca nella pioggia. Cos’è?
La lettera R.

Se lo dici sparisce per sempre. Cos’è?
Un segreto.

Ha un buco sulla testa. Chi è?
L’ago.

Al confine tra due fattorie un gallo fa un uovo. Il vento lo sospinge nella fattoria del vicino. Di chi è l’uovo?
Il gallo non fa le uova.

Quando balla, poi cade. Cos’è?
Il dente.

È l’unico animale che, quando piove, non si bagna. Che animale è?
Il pesce.

Quando è fresco, è caldo. Cos’è?
Il pane.

Più lo lavi, più diventa piccola. Cos’è?
Il sapone.

Ieri non c’era e domani non ci sarà. Cos’è?
L’oggi.

Le mie gambe sono lunghe e rigide, ma in cerchio ballo alla perfezione. Chi sono?
Il compasso.

In cielo non si vede, il diavolo ne ha solo una, in paradiso sono due e in tutto l’universo non se ne trova nessuna. Cos’è?
La lettera “A”.

Mentre viaggio per il mondo, me ne sto fermo in un angolo. Chi sono?
Il francobollo.

Lo puoi piantare, ma non crescerà. Ha una testa, ma mai ragionerà. Cos’è?
Il chiodo.

Lo schiacciamo, ma nessuno si fa male. Cos’è?
Il pisolino.

Qual è lo strumento musicale più piccolo del mondo?
Il basso.

Mi rispondi, ma non ti faccio mai una domanda. Chi sono?
Il telefono.

Mio padre fa il cantante, mia madre è balbuziente. Il mio vestito è bianco e il mio cuore d’oro. Chi sono?
L’uovo.

Nasce con il cappello. Chi è?
Il fungo.

Qual è la stella che non splende?
La stella marina.

Cosa inizia con la B, ma contiene una lettera?
La busta.

Che cosa succede se buttate una pietra gialla nel Mar Rosso?
Si bagna.

Più è nera, più è pulita. Cos’è?
La lavagna.

Ha le ali, ma non può volare. Cos’è?
Il libro.

Nell’orto c’è una mela con la Z. Cos’è?
La melanzana.

Più è grande e più è leggero. Cos’è?
Un buco.

Quanti regali può mettere Babbo Natale in un sacco vuoto?
Uno solo. Poi il sacco non è più vuoto.

In un auto che affronta una curva, qual è la ruota che gira di meno?
Quella di scorta.

Se lo nomini lo rompi. Cos’è?
Il silenzio.

Tra gli scogli sono chiamate marine, sui monti invece alpine. Chi sono?
Le stelle.

Più lo si guarda e men lo si vede. Chi è?
Il sole.

Se le mie corde ed il mio arco metto in azione, riempo il tuo cuore di grande emozione. Chi sono?
Il violino.

Una stella che non splende. Cos’è?
La stella marina.

Più la pulisci e più diventa nera. Cos’è?
La lavagna.

Qual è l’unico numero che ha tante lettere quante le cifre che indica?
Il tre.

Se le unisci, dividono. Cosa sono?
Le forbici.

Qual è la celebre città il cui nome, letto al contrario, esprime un sentimento?
Roma, che al contrario si scrive “Amor”.

Qual è la differenza tra uno stupido ed uno specchio?
Lo specchio riflette senza parlare mentre lo stupido parla senza riflettere.

Una ragazza è sola in una stanza buia con un solo fiammifero in mano. Nella stanza ci sono una lampada ad olio, una candela e un camino. Cosa accende per primo?
Il fiammifero.

Sono più leggera dell’aria ma non posso essere sollevata. Chi sono?
La bolla di sapene.

Che cosa ha due gobbe e si trova al Polo Nord?
Un cammello che si è perso.

Quali sono gli unici animali che sopravvissero pur restando fuori dall’arca di Noè?
I pesci.

Su un ramo ci sono dieci uccellini. Un cacciatore spara e ne colpisce uno; quanti uccellini restano sul ramo?
Nessuno. I nove rimasti volano via.

Se finisce in rete, ha sbagliato il passaggio. Chi è?
Il trapezista del circo.

Uno sorpassa sempre a destra e l’altro a sinistra. Chi sono?
I piedi.

Tolgo il freddo, con te poi cucino, ma è meglio se non mi stai troppo vicino. Chi sono?
Il fuoco.

Tutti fa tremare senza dover minacciare. Chi è?
Il freddo.

Se l’autore c’è, lei non si vede ma quando lui va via lei appare. Cos’è?
L’impronta.

Tutti lo sanno aprire, ma nessuno lo sa chiudere. Cos’è?
L’uovo.

Sono quattro sorelle che non si possono vedere e quando una viene l’altra va via. Chi sono?
Le stagioni.

Qual è quella cosa che si fa fregare una volta sola?
Il fiammifero.

Va coi passi dei viandanti, s’allunga dietro e s’accorcia davanti. Cos’è?
La strada.

Più ne hai e meno temi. Cos’è?
Il coraggio.

Cos’è che si può vincere giocando, anche quando non si vince niente?
La noia.

Il padre di Marta ha 5 figlie. Le prime quattro si chiamano Zazzana, Zezzena, Zizzina e Zuzzuna. Qul è il nome della quinta figlia?
Marta.

Una donna legge in una stanza completamente al buio. Come fa?
Legge in braille.

Che cosa diventa più umido man mano che si asciuga?
Un asciugamano.

Quando le sue due parti si uniscono, divide. Cos’è?
La forbice.

In un acquario ci sono cinque pesci, se tre di loro annegano, quanti ne restano?
Cinque, i pesci non annegano.

X