Scioglilingua Siciliani: i 25 più belli e divertenti (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Scioglilingua Siciliani: i 25 più belli e divertenti (con traduzione)

La Sicilia, oltre ad averci dato delle spiagge meravigliose e una cucina fantastica, ci offre uno dei dialetti più belli del nostro Paese. Un metodo per coglierne le sfumature è quello di impararne gli scioglilingua, tra cui alcuni che sono veramente impossibili da pronunciare.

Questi giochi di parole in siciliano sono infatti ancora più difficili rispetto a quelli in italiano, soprattutto per chi non conosce perfettamente la lingua.

Qui di seguito una selezione di scioglilingua siciliani che metteranno in difficoltà anche le lingue più sciolte. Provare per credere!

Scioglilingua siciliani

  • Un cani, un carru, e ‘na carrozza.
    Un cane, un carro e una carrozza.
  • ‘Ntra tri tunni cuti.
    Fra tre rotondi ciottoli.
  • Lu pizzaru pista pezzi. Pezza pista lu pizzaru.
    Il cenciaio pesta pezze. Pezza pesta il cenciaio.
  • Addhinucchiuni, cugghiennu cuttuni, essennu cu tia, cuttuni cugghia.
    Stando in ginocchio, raccoglievo il cotone, mentre ero con te, il cotone raccoglievo.
  • Curvazzu curvazzu vattinni a lu pizzu, ca veni Cuncetta e ti conza lu jazzu.
    Corvaccio corvaccio vattene sulla punta, che viene Concetta e ti prepara il laccio.
  • Rapu u stipu e pigghiu u spicchiu, chiuiu u stipu e posu u spicchiu.
    Aprio il cassetto e prendo lo spicchio, chiudo il cassetto e poso lo spicchio.
  • Rintra un palazzu c’è un cani pazzu. Tè pazzu cani stu cuozzu ri pani.
    Dentro un palazzo c’è un cane pazzo. Tieni pazzo cane questo cozzo di pane.
  • Ivu a Cunigghiuni cugghiennu cuttuni,Iava e vineva e cuttuni cugghieva.
    Andai a Corleone per raccogliere cotone e cotone raccoglievo.
  • O ti pigghi o t’arripigghi. S’un t’arripigghi, sai unni a pigghi?
    O ti prendi o ti riprendi. Se non ti riprendi, sai dove la prendi?
  • Rosa pitosa, fimmina ri casa, veni to maritu, ti pizzica e ti vasa.
    Rosa pitosa, sei donna di casa, viene tuo marito, ti da pizzichi e ti bacia.
  • Chiovi, chiovi, a pasta chi fasoli, Sisiddha si vagna, ca coppula i so nanna.
    Piove, piove, la pasta con i fagioli, Elisa si bagna, con la cuffia di sua nonna.
  • Sasà savia a susiri e sei, sunnu i sei e sei, sa si sasà si susiu e sei.
    Rosario si doveva alzare alle sei, sono le sei e sei, chissà se Rosario si alzato alle sei.
  • Tirituppiti e pani grattatu, consami u lettu ca sugnu malatu, sugnu malatu ri malincunia, consami u lettu ca vegnu cu tia.
    Tirituppiti e pane grattato, fammi il letto che sono malato, sono malato di malinconia, fammi il letto che vengo con te.
  • Setti cunigghia ‘nta cunìgghiaria, iu nccunigghiavu a iddhi e iddhi nccunigghiavanu a mia.
    Sette conigli erano nella conigliera, io volevo acchiapparli ad uno ad uno, mentre io ne prendevo uno, mi scappavano tutti gli altri.
  • Camurria, avia na figlia ca si vulia maritari, e siccomi era senza rota, camurria natra vota.
    Scocciatura, aveva una figlia che si voleva sposare, e siccome era senza dote, scocciatura un’altra volta.
  • Passiannu a Marina, sciddhicò na signurina. Sciddhicò cu l’anchi aperti e si cci vitti u trentasetti.
    Passeggiando alla Marina, scivolò una signorina. Scivolò con le gambe aperte e le si vide il 37.
  • Sutta un matarazzu, lassai tri fila di cannavazzu, truvai tri fila di cannavazzu sutta un matarazzu.
    Sotto un materasso, lascia tre fila di strofinacci, trovai tre fila di strofinacci sotto un materasso.
  • Pippineddha ru ncincirinciò, quantu pampini ci su nnò basilicò. E tu re ‘ncurunatu, cunta li stiddhi ri lu stiddhatu.
    Giuseppina del ncincirinciò, quante foglie ci sono nel tuo basilico. E tu re incoronato, conta le stelle nel cielo stellato.
  • Mi n’acchianassi ‘ncelu si putissi, cu na scaliddha ri triccientu passi, un m’interiessa siddhu si rumpissi, basta ca ti strincissi e ti vasassi.
    Salirei in Cielo se potessi, con una scala di trecento gradini, non m’interessa se si rompesse, basta che potrei stringerti e baciarti.
  • Beddha ru pipiriddhu, ti manna a salutari Peppi u addhu, e ti vuoli addhumannari si vuoi a iddhu.
    Bella del pipiriddhu, ti manda i saluti Peppe il gallo, e ti chiede se ti fidanzi con lui.
  • Cummari vuliti abballari? Chi nicchi e nacchi abballari cu vui! A Napuli fannu i strummula, e a Palermu i vannu a vinniri.
    Comare volete ballare? Che c’entra ballare con voi! A Napoli fanno le trottole, e a Palermo li vanno a vendere.
  • Comu faciemu? Faciemu comu ficiru l’antichi, ca si livaru i panzi e si misiru i viddhichi.
    Come facciamo? Facciamo come hanno fatto le persone antiche, che si sono tolte le pance e si sono messi gli ombelichi.
  • Cu lu tuppu un t’appi, senza tuppu t’appi, cu lu tuppu o senza tuppu, basta chi t’appi e comu t’appi t’appi.
    Con i capelli raccolti sulla nuca non ti ho avuta,senza capelli raccolti sulla nuca ti ho avuta.Con i capelli raccolti o senza capelli raccolti, basta che ti abbia avuta,comunque ti abbia avuta.
  • A regina di Catrocculi mannà a Napuli pi vrocculi. E chi nun ci nn’eranu vrocculi a Catrocculi ca la riggina di Catrocculi manna a Napuli pi vrocculi?
    La regina di Catrocculi (lo) ha mandato a Napoli per i broccoli. E che non ce n’erano broccoli a Catrucculi che la regina di Catrocculi (lo) ha mandato a Napoli per i broccoli?
  • Rumani è duminica, ci tagliamu a tiesta a Minicu, Minicu un c’è, ccià tagghiamu o re, u re è malatu, ccià tagliamu o surdatu, u surdatu è a guerra, tutti cu culu ‘nterra.
    Domani è domenica, gli tagliamo la testa a Domenico, Domenico non c’è, gliela tagliamo al re, il re è malato, gliela tagliamo al soldato, il soldato è andato in guerra, tutti con il sedere per terra.
  • C’era na vota un re befè viscuottu e minè, c’avia na figghia befigghia viscuottu e minigghia; sta figghia befigghia viscuottu e minigghia,aveva n’aceddhu befeddhu viscuottu e mineddhu;st’aceddhu befeddhu viscuottu e mineddhu un jornu vulò. U re iccò u bannu:
    – A cu trova l’aceddhu befeddhu viscuottu e mineddhu, ci rugnu a me figghia befigghia viscuottu e minigghia!
    Passò un tignusu bafusu viscuottu e minusu e ci rissi:
    – Maestà aceddhu è cca!
    – “Vattinni tignusu bafusu viscuottu e minusu, vasinnò cu un cavuciu ti fazzu vulari rintra un pirtusu.”

    C’era una volta un re befè biscotto e minè, che aveva una figlia befigghia biscotto e minigghia; questa figlia befigghia biscotto e minigghia, aveva un uccello befeddhu biscotto e mineddhu; quest’uccello befeddhu biscotto e mineddhu, un giorno volò (scappò dalla gabbia). Il re fece un proclamo:
    – “A chi trova l’uccello befeddhu biscotto e mineddhu, gli dò in sposa mia figlia befigghia biscotto e minigghia!”
    Passò un calvo bafusu biscotto e minusu e gli disse:
    – “Maestà l’uccello è qui!”
    – “Vattene via! Calvo bafusu biscotto e minusu, altrimenti con un calcio ti faccio entrare dentro un buco.”

Ti potrebbero interessare:

X