Le 15 più belle frasi di Martin Luther King sulla Pace e sulla Non Violenza

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 4 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Le 15 più belle frasi di Martin Luther King sulla Pace e sulla Non Violenza

Martin Luther King è stato il principale protagonista della lotta contro la segregazione razziale e la giustizia nella realtà americana degli anni ’50 e ’60. Pastore della chiesa Battista è stato sempre sostenitore della concezione gandhiana e della non-violenza anche di fronte alle tante violenze subite culminate con il suo assassinio avvenuto nel 1968.

Il suo sforzò portò comunque molti risultati concreti sull’opinione pubblica e in ambito dei diritti civili, facendogli ottenere anche un Premio Nobel per la Pace nel 1964. Qui di seguito alcune delle più belle frasi di Martin Luther King sul tema della Pace e della Non Violenza che ci aiuteranno a capire il suo pensiero e quanto siano ancora d’esempio per tutti noi.

Aforismi, citazioni e frasi di Martin Luther King sulla Pace e sulla Non Violenza

  • La pace non è solo un fine remoto da raggiungere, ma un mezzo per raggiungere quel fine.
  • La vera pace non è semplicemente l’assenza di tensione: è la presenza della giustizia.
  • La scelta non è tra violenza e nonviolenza, ma tra nonviolenza e non esistenza.
  • La più grande debolezza della violenza è l’essere una spirale discendente che dà vita proprio alle cose che cerca di distruggere. Invece di diminuire il male, lo moltiplica.
  • Il passato è profetico in quanto afferma a voce alta che le guerre sono pessimi scalpelli per scolpire un domani di pace.
  • Non è sufficiente dire che non dobbiamo fare la guerra. È necessario amare la pace e il sacrificio per questo.
  • Dobbiamo concentrarci non solo sull’espulsione negativa della guerra, ma sull’affermazione positiva della pace.
  • Mi rifiuto di accettare il punto di vista secondo cui l’umanità è così tragicamente legata alla mezzanotte senza stelle del razzismo e della guerra e che la luminosa alba della pace e della fratellanza non potrà mai diventare una realtà… Credo che la verità disarmata e l’amore incondizionato avranno l’ultima parola.
  • La speranza di un mondo sicuro e vivibile spetta agli anticonformisti disciplinati che si dedicano alla giustizia, alla pace e alla fratellanza.
  • Per il progresso dell’umanità, non si può sfuggire a Gandhi. Egli visse, pensò ed operò ispirato dalla visione dell’umanità che evolve verso un mondo di pace e di armonia. Ignorandolo, lo facciamo a nostro rischio e pericolo.
  • L’ingiustizia commessa in un luogo qualsiasi del mondo è una minaccia della giustizia in tutto il mondo.
  • L’amore è l’unica forza capace di trasformare un nemico in amico.
  • Con la violenza puoi uccidere colui che odi ma non uccidi l’odio. La violenza aumenta l’odio e nient’altro.
  • Nonviolenza significa evitare non solo la violenza fisica esterna, ma anche la violenza interna dello spirito. Non solo dobbiamo rifiutarci di sparare a un uomo, ma dobbiamo rifiutarci di odiarlo.
  • La non-violenza è la risposta alle domande cruciali politiche e morali del nostro tempo: il bisogno per l’uomo di sconfiggere l’oppressione e la violenza senza ricorrere all’oppressione e alla violenza. La base di tale metodo è l’amore.
  • Dobbiamo sempre condurre la nostra lotta sul piano della dignità e della disciplina. Non dobbiamo permettere che la nostra protesta creativa degeneri in violenza fisica.
  • La nonviolenza è un’arma potente e giusta. Si tratta di un’arma unica nella storia, che taglia senza ferire e nobilita l’uomo che la usa.
  • La tenebra non può scacciare la tenebra: solo la luce può farlo. L’odio non può scacciare l’odio: solo l’amore può farlo. L’odio moltiplica l’odio, la violenza moltiplica la violenza, la durezza moltiplica la durezza, in una spirale discendente di distruzione.
  • Dobbiamo arrivare a vedere che il nostro fine è una società in pace con se stessa, una società che può vivere con la sua coscienza.
  • La violenza come mezzo per raggiungere la giustizia razziale è al contempo impraticabile e immorale. Non dimentichiamo che la violenza spesso produce risultati momentanei. Le nazioni hanno spesso vinto la loro indipendenza in battaglia. Ma nonostante le vittorie temporanee, la violenza non porta mai pace permanente.
  • La pace mondiale attraverso mezzi nonviolenti non è né assurda né irraggiungibile. Tutti gli altri metodi hanno fallito. Quindi dobbiamo ricominciare daccapo. La nonviolenza è un buon punto di partenza. Quelli di noi che credono in questo metodo possono essere voci di ragione, sanità mentale e comprensione tra le voci di violenza, odio ed emozione. Possiamo benissimo creare uno stato d’animo di pace da cui si possa costruire un sistema di pace.
  • L’umanità deve porre fine alla guerra o la guerra metterà fine all’umanità.
  • [Rifiutando una pistola ricevuta in regalo] Sono un predicatore della non violenza. Non ho diritto di portarla. E poi, ciò che conta non è quanto si vive, ma come si vive.
  • Ignorare il male equivale ad esserne complici.
  • Ogni uomo deve decidere se camminerà nella luce dell’altruismo creativo o nel buio dell’egoismo distruttivo. Questa è la decisione. La più insistente ed urgente domanda della vita è: “Che cosa fate voi per gli altri?”
X