Proverbi e Frasi in Napoletano sull’Amicizia: le 35 più belle (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 4 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Proverbi e Frasi in Napoletano sull’Amicizia: le 35 più belle (con traduzione)

L’amicizia è una di quelle cose che più contano nella vita di ognuno di noi, ed è praticamente indispensabile per vivere bene e in pace col mondo che ci circonda.

Questo lo sanno bene i napoletani che hanno creato molte pillole di saggezza sull’amicizia, su cosa vuol dire essere amico e su come distinguere quelle vere da quelle false.

Qui di seguito la nostra selezione di proverbi e frasi in napoletano sull’amicizia che ci aiuteranno a capirne meglio il valore e ad agire di conseguenza. Eccoli!

Proverbi e frasi in napoletano sull’amicizia (con traduzione)

Si vuo’ n’amico, ja essere nu buon amico.
Per avere un amico bisogna essere un buon amico.

Ama l’amico co lo vizio sujo.
Ama l’amico con i suoi difetti.

L’amico vero nun dicette, ma facette.
L’amico vero non disse, ma fece.

A lo besuogno se canoscene l’ammice.
Nel bisogno si conoscono gli amici.

Panariello va, panariello vene, l’amicizia se mantene.
Un paniere va, uno viene, l’amicizia si conserva [L’amicizia deve essere reciproca per durare].

A ‘o vero amico nun ja da’ maie spiegazione.
All’amico vero non devi mai dare spiegazione di nulla.

‘A carne fa ‘a carne e l’amicizia fa ‘e corna.
Davanti a certe tentazioni non ci si può fidare neanche degli amici più cari.

‘O pparlà chiaro è fatto pè l’amice.
Parlare chiaramente è fatto per gli amici.

‘O vero amico ‘o ricanusce ‘a comme te dice ‘e fessarie.
Il vero amico lo si riconosce da come racconta le bugie.

Int’ e carcere e int’ ‘e malatie cunosc’ l’amicizia mia.
Nel carcere e nella malattia si conosce l’amicizia [Nelle tragedie si riconoscono i veri amici].

Amico pruvato vale cchiù ‘e ‘nu parentato.
Un amico fidato vale più di un parente.

Chi t’è amico te parla ‘nfaccia, chi no te parla arreto.[54]
Chi ti è amico ti parla apertamente, chi no, lo è ti parla alle spalle.

L’amico è comme’ ‘o ‘mbrello: quannno chiove nun o truove maje.
L’amico è come l’ombrello, quando piove non lo trovi mai.

L’amice nun sò maie superchie.
Gli amici non sono mai troppi.

Add’amice e add’ ‘e pariente nun ce’ accatta’ e nun ce vennere niente.
Da amici e da parenti non comprare e non vendere niente.

L’amico ‘e muntagna, chi ‘o perde ce guadagna.
Ci si guadagna a perdere un cattivo amico.

‘O nemico e l’amico tuoio adda essere nemico pure tuoio.
Il nemico del tuo amico deve essere anche il tuo nemico.

Amice povere, amice scurdate.
Amici poveri, amici dimenticati.

Buono è l’amico, caro è ‘o parente, ma povera ‘a sacca toja si nun c’è stace niente.
È giusto voler bene ad amici e parenti, ma attenti a non rovinarsi per loro.

Amici verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace.
La vera amicizia è quando si litiga e si fa la pace.

Nè amicizia reconciliata, né menestra scarfata, né vajassa retornata.
Né amicizia riconciliata, né minestra riscaldata, né serva ritornata.

A ‘o mumento d’ ‘o besuogno ‘e meglio amice so’ ‘e denare.
Nel momento del bisogno i migliori amici sono i soldi.

Amicizia e primm’ammore non se scordano maje.
Amicizia e primo amore non si dimenticano mai.

Quanno n’amico te vene a truva’, cocche cosa le mancarrà.
Quando l’amico viene a farti visita, è segno che ha bisogno di qualcosa.

Chi se cunfida cu’ ‘n’amico se trova cu’ nu nemico.
Forte delle confidenze fatte, chi un tempo ci fu amico potrebbe diventare nostro nemico.

A vutata d’‘o vico, bonanotte all’amico.
Quando un’amicizia non è profonda basta voltare l’angolo perché finisca.

Pure cu ll’amici ‘a vrachetta nun cunosce rispetto.
In amore l’uomo non rispetta gli amici.

Chi amicizia tene, chino va e chino vene.
Chi ha amici, da tanto quanto riceve.

L’amico spisso è comm’o fungio, bello a magna’, ma difficile a digerì.
L’amico spesso è come il fungo, buono da mangiare, ma difficile da digerire.

L’amico vero te vo’ bene pe ll’affetto non pe chelle ca tieni.
Il vero amico ti vuol bene per quello che sei, non per quello che hai.

‘E meglio amice so’ chill’ ‘e ‘rint’ ‘e sacche.
I migliori amici sono quelli di dentro le tasche [I soldi].

Chi sta vicino ‘o sole nun sente friddo.
Chi è amico di un potente vive sotto la sua protezione.

Amice e vino hann’ ‘a essere viecchie.
Amici e vino devono essere di antica data.

Nun ghi’ a spugliarte arret’a lanterna ca ‘o meglio amico tuje t’arrobba ‘e panne.
Non spogliarti dietro al faro, perché il miglior amico tuo ti ruba i vestiti [Per certe cose non bisogna fidarsi di nessuno].

Lo buono amico dura porzi’ dapo’ la morte.
Il buon amico dura perfino dopo la morte.

X