Frasi di Fernando Pessoa: le 50 più belle e famose (con immagini)

Frasi di Fernando Pessoa

Fernando Pessoa è stato uno dei più importanti scrittori, poeti e aforisti portoghesi non solo del XX secolo, ma di sempre.

Noto per le tante poesie d’amore, è stato una figura particolarmente enigmatica della letteratura, questo per i suoi tanti eteronimi, ovvero scrittori immaginari in cui si immedesimava per creare i suoi componimenti.

Qui di seguito la nostra raccolta delle più celebri frasi di Fernando Pessoa che ce ne presentano il personaggio e la sensibilità poetica. Eccole!

Aforismi, citazioni e frasi di Fernando Pessoa

Non conosco altra ragione di amarti che amarti.

Frasi ragione amarti Pessoa

Siediti al sole. Abdica e sii re di te stesso.

Ho tutte le condizioni per essere felice, tranne la felicità.

La vita è ciò che facciamo di essa.

Frasi vita facciamo Pessoa

Chi ama non sa mai quello che ama, né sa perché ama, né cosa sia amare…

La vita è un gomitolo che qualcuno ha aggrovigliato. Essa ha un senso se è srotolata e disposta in linea retta, o ben arrotolata. Ma, così com’è, è un problema senza nucleo, un avvolgersi senza un dove attorno a cui avvolgersi.

Saggio è colui che si contenta dello spettacolo del mondo.

Frasi saggio spettacolo mondo Pessoa

Ogni volta che qualcuno mi dice che ha sognato, mi chiedo se si rende conto che non ha mai fatto altro che sognare.

Il valore delle cose non sta nel tempo in cui esse durano, ma nell’intensità con cui vengono vissute. Per questo esistono momenti indimenticabili, cose inspiegabili e persone incomparabili.

L’amore è un frammento mortale di immortalità.

Frasi amore frammento immortalità Pessoa

Non apprezza la libertà chi non ha mai conosciuto la costrizione.

Passare dai fantasmi della fede agli spettri della ragione è solamente un cambiare di cella.

Ho sempre rifiutato di essere compreso. Essere compreso significa prostituirsi. Preferisco essere preso seriamente per quello che non sono, ignorato umanamente con decenza e naturalezza.

Ci sono navi che salpano verso molti porti, ma non una sola va dove la vita non è dolorosa.

Frasi navi porti vita dolorosa Pessoa

Nessuno amerebbe se stesso se si conoscesse veramente, e così, se non ci fosse la vanità, che è il sangue della vita spirituale, la nostra anima morirebbe di anemia.

La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo.

Tutto quello che facciamo, nell’arte o nella vita, è la copia imperfetta di ciò che abbiamo pensato di fare.

Vivere è morire, perché non abbiamo un giorno in più nella nostra vita senza avere, al contempo, un giorno in meno.

Frasi vivere morire giorno Pessoa

Vivere è non pensare.

Solo una cosa mi meraviglia più della stupidità con cui la maggior parte degli uomini vive la propria vita: è l’intelligenza che c’è in questa stupidità.

Il vero male, l’unico male, sono le convenzioni e le finzioni sociali, che si sovrappongono alle realtà naturali – tutto, dalla famiglia al denaro, dalla religione allo stato.

Non c’è felicità se non con consapevolezza. Ma la consapevolezza della felicità è infelice, perché sapersi felice è sapere che si sta attraversando la felicità e che si dovrà subito lasciarla. Sapere è uccidere, nella felicità come in tutto.

La vita è un male degno di essere vissuto.

Frasi vita male degno Pessoa

Felice è colui che dalla vita non esige più di quello che essa spontaneamente gli offre, facendosi guidare dall’istinto dei gatti, che cercano il sole quando c’è il sole e quando non c’è il sole, il caldo, dovunque esso sia.

Io non sono pessimista, io sono triste.

Il mio passato è tutto ciò che non sono riuscito a essere.

Non ci sono regole. Tutti gli uomini sono eccezioni a una regola che non esiste.

Tutto è imperfetto, non c’è tramonto così bello da non poterlo essere di più.

Frasi tramonto Pessoa

Amo come l’amore ama. Non conosco altra ragione di amarti che amarti. Cosa vuoi che ti dica oltre a dirti che ti amo, se ciò che voglio dirti è che ti amo?

Io non sono niente. Non sarò mai nulla. Non potrei voler essere qualcosa. A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo.

Che cos’è viaggiare e a cosa serve viaggiare? Qualsiasi tramonto è il tramonto; non è necessario andarlo a vedere a Costantinopoli.

Ogni volta che ho amato ho finto di amare, e ho finto con me stesso.

Rendiamo la vita assurda, da est a ovest.

Frasi vita assurda Pessoa

La mia anima è una misteriosa orchestra. Non so quali strumenti, quali violini e arpe, timpani e tamburi suonino dentro me. Tutto quello che sento è la sinfonia.

Nella vita attuale il mondo appartiene solo agli stupidi, agli insensibili e agli agitati. Il diritto a vivere e trionfare oggi si conquista quasi con gli stessi requisiti con cui si ottiene il ricovero in manicomio: l’incapacità di pensare, l’amoralità e l’ipereccitazione.

Scrivere è dimenticare. La letteratura è il modo più piacevole di ignorare la vita.

Se la vita non ci ha dato altro che una cella di reclusione, facciamo in modo di addobbarla, almeno, con le ombre dei nostri sogni.

Benedetti siano gli istanti, i millimetri, e le ombre delle piccole cose.

Frasi istanti piccole cose Pessoa

Tutto il male del mondo viene dal fatto che ci interessiamo gli uni agli altri, sia per fare del bene, sia per fare del male.

Nessuna idea intelligente può ottenere l’accettazione generale senza che vi sia mescolata una certa stupidità.

La vita che si vive è un fraintendimento fluido, un’allegra media tra la grandezza che non c’è e la felicità che non può esistere.

Chi vuole essere capito non conoscerà mai la gioia di essere capito, perché questo accade solo alle persone complicate e agli incompresi. Le anime semplici, quelle che gli altri possono capire, non sentono mai il desiderio di essere capite.

La letteratura, come tutta l’arte, è la confessione che la vita non basta.

Frasi letteratura arte vita Pessoa

La vita è piena di paradossi, come le rose sono piene di spine.

Non il piacere, non la gloria, non il potere: la libertà, unicamente la libertà.

La vita è un viaggio sperimentale, fatto involontariamente.

Se dopo la mia morte volessero scrivere la mia biografia, non ci sarebbe niente di più semplice. Ci sono solo due date, quella della mia nascita e quella della mia morte. Tutti i giorni fra l’una e l’altra sono miei.

Nostalgia! La sento anche per qualcuno che non significava nulla per me, per l’ansia per il volo del tempo e una malattia alimentata dal mistero della vita. Se uno dei volti che incrocio ogni giorno sulla strada scompare, mi sento triste; eppure non significavano niente per me, se non essere un simbolo di tutta la vita.

X