Ninna Nanne famose per Bambini (testi): le 25 più belle, classiche e rilassanti

Ninna Nanne famose per Bambini

Le ninne nanne non sono altro che delle canzoncine brevi, ripetitive, da cantare per cullare i bambini in modo da farli addormentare o per passarci un po’ di tempo in tranquillità.

Tra queste ce ne sono alcune che tutti noi conosciamo e abbiamo già sentito perché ormai parte della nostra tradizione e altre, meno celebri, che meritano di essere altrettanto conosciute.

Ecco quindi le più belle ninna nanne famose per bambini e per neonati che ci aiuteranno a passare un momento di serenità e, perché no, a farli addormentare. Scoprile subito!

Ninna Nanne famose

Ninna nanna, ninna oh
Ninna nanna, ninna oh,
questo bimbo a chi lo do?
La darò al lupo nero
che la culla un anno intero.
Ninna nanna, ninna oh,
questo bimbo a chi lo do?
La darò al cavallo bianco
che ci gioca tanto tanto.
Ninna nanna, ninna oh,
questo bimbo a chi lo do?
La darò alla befana
che la culla una settimana.
Ninna nanna, ninna oh,
questo bimbo a chi lo do?
La darò alla sua mamma
che le canta la ninna nanna.

Ninna nanna, ninna nanna
Ninna nanna, ninna nanna,
dormi bimbo della mamma
tutto è quieto, tutto tace
dormi bimbo, dormi in pace.
Han già chiuso i loro occhietti
dentro al nido gli uccelletti
ed a terra a testa china
dormon tutti i fiorellini.
Ninna nanna, ninna nanna,
dormi bimbo della mamma

Trotta trotta cavallino
Trotta trotta cavallino,
porta a spasso il mio bambino:
fallo andare come il vento,
fallo andare a mille e cento.
Passa i monti e la marina,
fallo andare domattina,
e poi dopo scappa scappa,
che il mio bimbo vuol la pappa!

Quando è l’ora di fare la nanna
Quando è l’ora di fare la nanna
sai che fanno i bravi bambini?
Lasciano i giochi e vanno da mamma
che li accompagna a lavare i dentini,
poi si infilano nel pigiamino
a babbo e mamma danno un bacino
e si addormentano piano, pianino
con la preghiera a Gesù Bambino.
E tu bambino mio che non vuoi far la nanna
non fare più capricci
se no saran pasticci;
alla tua mamma dai già tante pene
potrebbe creder che non le vuoi bene.
Quando è l’ora di fare la nanna
lascia i giochi e corri da mamma
dalle un bacione per farle capire
che le vuoi bene e che vuoi dormire
E tu bambino mio che non vuoi far la nanna
non fare più capricci
se no saran pasticci;
alla tua mamma dai già tante pene
potrebbe creder che non le vuoi bene.
Quando è l’ora di fare la nanna
lascia i giochi e corri da mamma
dalle un bacione per farle capire
che le vuoi bene e che vuoi dormire.

La dolce ninna nanna
(Arpalice Cuman Pertile)
Nanna sì, nanna no,
una stella in ciel brillò.
Co’ suoi tremuli occhiolini
vide i bimbi e gli uccellini.
Disse a tutti: “Fate nanna
presso il core della mamma”.
Tutti fecero nannina:
li vegliava la stellina,
li vegliava fino al dì…
nanna no, nanna sì.

Ninna nanna del pesciolino
Ninna nanna del pesciolino
che fra i coralli fa capolino.
Rossi, gialli, verdi, blu
tutti i pesci son quaggiù.
Mare calmo, mare profondo
dormono i pesci in girotondo!

Stella stellina
(Lina Schwarz)
Stella stellina
la notte s’avvicina:
la fiamma traballa,
la mucca è nella stalla.
La mucca e il vitello,
la pecora e l’agnello,
la chioccia e il pulcino,
la mamma e il suo bambino.
Ognuno ha il suo piccino,
ognuno ha la sua mamma
e tutti fan la nanna.

Bimbo bello della mamma
Bimbo bello della mamma
falla tutta la tua nanna.
Bimbo bello del papà
domattina arriverà.

Fai la ninna, fai la nanna
Fai la ninna, fai la nanna
piccolino della mamma,
non pensare ai tuoi balocchi
nessun mai li toccherà.
Sta tranquillo, chiudi gli occhi,
la tua mamma qui starà.
Ben graziosa è la tua culla
non le manca proprio nulla,
fine e molle è il tuo cuscino,
ti ricopre un bianco lino.
Fai la nanna piccolino,
fai la nanna mio bambino.

Luccioletta
(Arpalice Cuman Pertile)
“Lucciolina luccioletta,
non avere tanta fretta:
voglio prenderti un pochino
per guardare il tuo lumino;
vo’ vedere, lucciolina,
se tu ci hai una stellina…
Dove hai preso questa luce
che di notte ti conduce?
Dove hai preso il focherello
che non brucia ed è si bello?”.
“Me lo diede, un giorno, Iddio,
non so altro bimbo mio!”.

Quando vado nel mio letto
Quando vado nel mio letto
mi dà babbo un bel bacetto.
Mamma, un bacio sulla bocca,
le coperte mi rimbocca.
Poi mi dice: “Mio tesoro,
buona notte e sogni d’oro!”

Scende la notte fitta di stelle
Scende la notte fitta di stelle
dormono piatti, bicchieri e scodelle.
Regna il silenzio nella cucina
riposa il cucchiaio con la forchettina.
Anche l’imbuto s’è addormentato
e il vasetto di buon cioccolato.
Dondola il mestolo appeso a un chiodo
tace la pentola piena di brodo.
Caraffe, bricchi, tazzine, padelle
fanno la nanna sotto le stelle.

Voga voga marinaro
Voga voga marinaro
che il cielo non è chiaro
prendi sonno piccolina
fa’ la ninna fino a mattina.

Fra’ Martino Campanaro
Fra’ Martino, campanaro,
cosa fai? Non dormir!
Suona il mattutino, suona il mattutino,
din, don, dan, din, don, dan,
suona il mattutino, din, don, dan!
Fra’ Martino, campanaro,
è di già mezzodì!
Suona allegramente, suona allegramente,
din, don, dan, din, don, dan,
suona allegramente, din, don, dan!
Fra’ Martino, quand’è sera,
dove sei? dove sei?
Suona piano piano, è l’Ave Maria,
din, don, dan, din, don, dan,
è l’Ave Maria, din, don, dan!
Fra’ Martino, stai sognando,
di suonar, di suonar!
Tutte le campane, tutte le campane,
din, don, dan, din, don, dan,
tutte le campane, din, don, dan!
Fra’ Martino, campanaro,
dormi tu? dormi tu?
Suona le campane, suona le campane,
din, don, dan, din, don, dan,
suona le campane, din, don, dan!

Fai la nanna bimbo d’amore
Fai la nanna bimbo d’amore,
la tua mamma ti ha fatto col cuore;
la tua mamma ti ha fatto col cuore,
fai la nanna bimbo d’amore.

Bolli bolli pentolino
(Lina Schwarz)
Bolli bolli pentolino,
fai la pappa al mio bambino;
la rimescola la mamma
mentre il bimbo fa la nanna.
Fai la nanna, gioia mia,
o la pappa scappa via.
Guarda, guarda il can che scappa,
che ha portato via la pappa,
via la pappa al mio bambino
per portarla al cagnolino.
Cagnolin tutto contento
se la mangia in un momento,
se la mangia e fa: “Bu, bu!”
e la pappa non c’è più.

Ninna nanna
Ninna nanna
il bambino è della mamma,
della mamma e di Gesù,
il bambino non piange più.

Oh che bel castello
Oh che bel castello marcondirondirondello,
oh che bel castello marcondirondirondà
Il mio è ancora più bello marcondirondirondello,
il mio è ancora più bello marcondirondirondà
E noi lo ruberemo marcondirondirondello,
e noi lo ruberemo marcondirondirondà
E noi lo rifaremo marcondirondirondello,
e noi lo rifaremo marcondirondirondà
E noi lo bruceremo marcondirondirondello,
e noi lo bruceremo marcondirondirondà
E noi lo spegneremo marcondirondirondello,
e noi lo spegneremo marcondirondirondà.

Fai la nanna bimbo d’amore
Fai la nanna bimbo d’amore,
la tua mamma ti ha fatto col cuore;
la tua mamma ti ha fatto col cuore,
fai la nanna bimbo d’amore.

La ninna nanna del cielo
(Lina Schwarz)
Si spengono in cielo le nuvole rosa
e il cielo alla terra bisbiglia: “Riposa!
Qui in alto si accendono i mille lumini,
dormite, dormite, dormite, o piccini!
A chiudervi gli occhi or or scende il sonno
che in grembo vi piglia qual buon vecchio nonno,
narrando le belle novelle incantate
che al sole, il mattino, vi sembran sognate.
Vi veglia il gran cielo dai mille lumini,
dormite, dormite, dormite, o piccini!”.

Dormi bimba, fai la nanna
Dormi bimba, fai la nanna
qui con te c’é la tua mamma,
Ninna-nanna, il cielo è blu:
dormi piccola anche tu!
Che il tuo letto sia una culla
non pensare adesso a nulla.
Dormi dormi sol beata
da morfeo ogn’or cullata…
Tutto questo sol per dire
l’ora è tarda… va’ a dormire!
Dormi dormi, fai la nanna…
Hai vicino la tua mamma!
Io la ninna nanna canto
non mi stanco mai
e tu come per incanto
presto ti addormenterai.
La tua mamma è qui vicino
Presto arriverà il mattino
Buona notte mio tesoro
sogni belli, sogni d’oro.

Nanna in su
Nanna in su
nanna in giù
il mio bimbo è di Gesù
di Gesù e della Madonna
fai la nanna
che tu dorma
di Gesù e di Maria
fai la nanna anima mia.

Zitti zitti!
(Arpalice Cuman Pertile)
Zitti, garruli uccellini,
e galletti e colombini;
fiori e foglie non stormite
mentre io passo: non sentite?
Sono l’ombra cheta e bruna,
canto lieve ad ogni cuna:
con bisbiglio dolce e lento
tutti i piccoli addormento.

Chiudi gli occhi dolce orsetto
Chiudi gli occhi dolce orsetto
e riposa nel tuo letto
canterò fino al mattino
qui poggiata sul cuscino.
Canterò una melodia
finché il buio non va via,
rimarrò qui con te,
chiudi gli occhi come me.

Dormi, dormi
Dormi, dormi
bel bambino
vien dal monte
un uccellino.
Una stella
vien dal mare,
sul tuo capo
vuol brillare,
ti racconta
cose belle
imparate
fra le stelle.

X