Parolacce in Sardo (con traduzione): le 75 più famose e divertenti

Parolacce in Sardo

Tra tutte le lingue e i dialetti italiani, il sardo è quello che più di tutti risulta incomprensibile agmi abitanti delle altre regioni italiane.

Con le sue sonorità molto particolari e una lunga serie di parole molto difficili da pronunciare, risulta particolarmente simpatico e curioso.

Ecco quindi raccolte le più famose e divertenti parolacce in sardo per ridere e conoscere un lato un po’ inconsueto di questa meravigliosa isola che è la Sardegna. Scoprile subito!

Insulti e imprecazioni e parolacce in sardo

Ma poitta no ti ndi andasa a cagai?
Ma perché non te ne vai a cagare?

Astuccaruggiude
Attaccati al cazzo

Speigu
Carogna in decomposizione

Passidi a mei e bengada a tui
Passi a me e venga a te

Mincimortu
Minchia morta

Sacch ‘e ladammini
Sacco di letame

Mincrodde
Minchione

Bambazzu
Bambacione

Accallonàu
Addormentato, stupido

Callonèra
Scroto

Affancullu
Vaffanculo

Faghedi coddai da un ainu
Fatti penetrare da un asino

Cacchi piudu
Coglione

Bà fadì arài
Vai a farti arare

Baffarìcoddai
Vai a farti fottere

Alitudemottu
Alito di morto

Chi ti pighidi scraffingiu a is ogus e is manus a canciofa
Che ti venga prurito agli occhi e le mani come carciofi

Mancai siasta oi sazau e crasi interrau
Che tu possa essere oggi sazio e domani sepolto

Madraffa
Scrofa incinta

Is corrusu
Le corna [esclamazione]

Ascameddu
Schifoso

Coddaproccusu
Colui che ha rapporti sessuali con i suini

Ti pighiri sa motti pillosa
Ti colpisca la morte pelosa

A balla chi ti occana
Fatti fucilare

Ti si magnani li gani
Ti divorino i cani

Cravadinci in su cunnu
Inserisciti con forza nell’apparato genitale femminile

Callòni
Coglione

Arrozzàu
Limitato mentalmente

Babbasùccu
Babbeo

Fragosu
Puzzolente

Ti pighidi una guta serena
Ti venga una paresi con la bocca sorridente

Caddicare
Scopare

Affroscillonàu
Appassito

Mi coddu cussa brutta bagass’e mamma
Mi fotto quella brutta puttana di tua madre

Minc’e cuaddu ti coddidi
Che il pene di equino abbia un rapporto sessuale di natura violenta con te

Ti cagu a facci
Ti cago in faccia

Egua
Troia

Baccagai
Vai a cagare

Fogu ti pichidi e acqua t’ammachidi
Possa prendere fuoco e mancarti l’acqua

Scarrascio
Sputo

Iffundere su biscotteddu
Bagnare il biscottino

Abburradu
Sporco, grezzo

T’inci fazzu torrai in su cunnu
Ti faccio tornare nell’apparato riproduttivo di tua madre

Su culu/su paneri
Culo

Bagassa
Puttana

Accattòni
Scroccone

Abbaerau
Sciocco

Su cunnu e mamma rua
La figa di tua madre

Arrogh’e merda
Pezzo di merda

Ti auguru de ci campai a 100 annusu: 99 annusu palasa a terra e un annu morendi
Ti auguro di campare cento anni, novantanove schiena a terra e uno morendo

Culi vudditta
Culo bollente

Paciociu
Figa

Codda prangendi
Colui (o colei) che emette suoni simili al pianto mentre ha dei rapporti sessuali

Su cunnu chi t’indi adi azzappuau
La figa ti ha messo al mondo, sbattuto con violenza

Malichitiscioppia
Che ti venga un accidenti

Abbrabbabau
Tonto, addormentato

Abbuerau
Impedito, incapace

Scimpru
Scemo

Chi di occiada su sidi conca a s’aqua
Che tu possa morire di sete quando ormai sei giunto alla sorgente d’acqua

Ancu ti si bengada su bremini
Che ti vengano i vermi

Ancu no ti torrint’a bì mancu pintau
Che non ti possano rivedere neppure dipinto

Aliertu
Stupido

Accaghinàu
Effemminato

Attu chene cazzu
Gatto senza pene

Su cunnu chi ta cuddau a sorri tua baggassa impestara luride e’merda
La figa che ti ha partorito a te e a tua sorella impestata lurida di merda

Burricu
Asino

Dolore ‘e matta, ti enzat in die ‘e festa
Mal di pancia ti venga in giorno di festa

Pillòna
Cazzo

Taccappiu i spius de concas ai spius de cullu, bruttu calloni ca non ses atru
Ti lego i capelli della testa ai peli del culo, brutto coglione che non sei altro

Abuddàu
Sbronzo

Aliga
Immondizia

Accallelàu
Stupido

Affrosciau
Omosessuale

Bai e chi ti sianta contaus is passus
Vai e che ti siano i passi contati

Accaddiccare
Trombare

Su cunnu chi ti ndà cagau
La figa che ti ha cagato

Sugunnemamarua bagassa, babbu ruu curruru e caghineri coddau in culu e in paneri de su figllu de su panettieri
La figa di tua mamma bagascia e tuo padre finocchio inculato dal figlio del panettiere

X