Parolacce in Rumeno (con traduzione): le 50 più “belle”

Parolacce in Rumeno

Tra il nostro Paese e la Romania esistono moltissimi legami culturali e storici ancora molto profondi nel presente. In Italia, i romeni sono infatti una comunità molto grande.

La lingua rumena, le cui origini sono particolarmente collegate al latino, è quindi molto diffusa anche in Italia. Per conoscerne alcune delle espressioni più colorite, non possiamo sicuramente tralasciarne le parolacce.

Qui di seguito le più “belle” parolacce in rumeno tradotte in italiano che è meglio non usare, ma che per ridere possiamo conoscere. Scoprile subito!

Insulti e imprecazioni e parolacce in rumeno

Fraiere
Stupido

Prost
Cretino

Cacat
Merda

Pula
Cazzo

Pizda
Figa

Să te fut
Fottiti

I-am spus ca ești o pula
Ho detto che sei uno stronzo

Murdărie
Immondezza

Rahatule
Pezzo di merda

Du-te dracu
Vaffanculo

Pulalaule
Cazzone

Nătâng
Scemo

Ticălos
Bastardo

Du-te în iad
Va’ all’Inferno

Caraghios
Imbranato

Idiot
Idiota

Mă fut
Trombare

Fiu de curvă
Figlio di puttana

Sugi pula mea
Succhiami il cazzo

Muistule
Succhiacazzi

Cocalar
Tamarro

Curvă
Troia

La ce râzi, rahatule?
Che hai da ridere, testa di cazzo?

Du-te dracului
Vai al diavolo

Te fut ìn cur
Ti fotto nel culo

Mă fut pe tine și pe păsărica ta
Fottiti tu e la tua fica

Dute-n pizda matii
Torna nella figa di tua madre

O să fut tot ce mișcă!
Mi scopo ogni cosa che respira!

X