Parolacce in Calabrese (con traduzione): le 50 più famose e singolari

Parolacce in Calabrese

Tra la miriade di dialetti diffusi sul nostro territorio, quello calabrese occupa un posto di tutto rispetto.

Molto ricco di sfumature e termini curiosi che variano da paese a paese, il dialetto calabrese presenta una grande scelta a livello di termini coloriti.

Abbiamo quindi raccolto le più “simpatiche” parolacce in calabrese per ridere e scherzare con i nostri amici di questa bellissima regione. Eccole!

Insulti e imprecazioni e parolacce in calabrese

Cunno
Scemo

Si scatterusu cumu nu pidocchjiu
Sei dispettoso come un pidocchio

Nu palu vestutu
Sgraziato

Si nu cantaru e notta
Sei inutile

Cunnu Babbu
Rincoglionito

I chimmu cachi luci
Che tu possa cagare il fuoco

Bacara
Pene

Grubba
Vagina

Bastardu
Bastardo

Mi staci ruppendu l’anima
Mi stai rompendo l’anima

Lignu stortu
Incapace di pensare

Minchiune
Minchione

‘Ncul a quantu nnai
Vaffanculo a te e a tutti i tuoi parenti

Tu fazzu teniri a mente
Te lo faccio ricordare

In culu a memmata e a tutta a razza da tua
Fanculo a tua mamma e a tutta la tua famiglia

Pari a mussa d’agustu
Sei troppo appiccicoso

Petrusinu i ogni minestra
Ficcanaso

Mi fici a capa na sporta
Mi stai annoiando

Fiss’i mammata
La figa di tua madre

Mi fici a testa cumu nu tommarinu
Mi stai annoiando

Mi faci nu baffu
Non mi fai paura

Fhuttutu
Fottuto

Nculu a tia
In culo a te

Pilusa
Bella ragazza

U cazz’u ti spara
Ti auguro che il cazzo ti fotta quando dici o fai una cazzata

Ti ruppu u culu
Ti rompo il culo

‘Ncul a Marianna
Caspita

Ti pistu i gargiolari
Ti spacco la faccia

Fissa
Stupido

A fissa e sorta
Quella stupida di tua sorella

Pennu
Vagina

M’abbajanu i nervi
Ho i nervi a fior di pelle

Ciolla
Cazzo

Chi mmu vai ccusì lunthanu chi i roti do’o trenu diventhanu rundelli
Vai così lontano che le ruote del treno si riducano a rotelle

Ntrocchia
Stronza

Chimma mori
Devi morire

Ma va curcati
Vai a dormire

I chimmu ti cantanu a missa
Muori (letteralmente: ti possano cantare la messa)

Ma si storta?
Ma sei stupida?

T’allisciu u pilu
Ti sistemo io

Cazzune
Cazzone

Fatti li cazzi tua
Fatti i cazzi tuoi

Rincugghunitu
Rincoglionito

Ti mini a zappa nte pedi to
Ti fai male da solo

Ncul’a cu t’è vivu
Fanculo a te e alla tua famiglia

Ca vu schattari guallarusu
Che tu possa schiattare con un’ernia molto accentuata da essere trasportata con la carriola

Aialafisseria
Caspita

Chimmu sbampi
Che tu possa prendere fuoco

I chimmu ietti u sangu
Che tu possa buttare il sangue

Chi ti vo sucari nu dampu a vijidia e natadi alla vuccuzza e du stomacu mentri ta mangi nu turdillu
Ti possa cogliere un fulmine alla vigilia di Natale alla bocca dello stomaco mentre ti mangi un turdillu (dolcetto al miele tipico calabrese)

X