Proverbi Napoletani: i 100 più belli e divertenti (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 10 . Media: 4,20 su 5)
Loading...
Proverbi Napoletani: i 100 più belli e divertenti (con traduzione)

La città di Napoli ha una storia e una tradizione culturale unica, con radici antichissime. Se sui suoi abitanti si riflettono tutti questi anni di storia è anche grazie ai proverbi, perle di saggezza popolare legate a questo territorio.

I proverbi napoletani rappresentano in qualche modo quella che è la storia di Napoli e della Campania, con tutti i suoi pregi e le sue contraddizioni.

Ecco quindi una selezione dei proverbi napoletani più belli che ci mostreranno gli aspetti più divertenti, ma anche più profondi, di questa stupenda città. Scoprili subito!

Detti, massime e proverbi napoletani

  • Quann’ ‘o mellone jesce russo, ognuno ne vo’ ‘na fella.
    Quando il cocomero esce rosso, ognuno ne vuole una fetta.
  • A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele.
    Per pagare e morire, c’è sempre tempo.
  • ‘E figlie so’ ppiezz’ ‘e còre.
    I figli sono pezzi del proprio cuore.
  • Vide Napole, e po muore.
    Vedi Napoli, e poi muori [Non puoi morire senza prima aver visto Napoli].
  • Ogni scarrafone è bello ‘a mamma soja.
    Chiunque è bello agli occhi della propria madre.
  • Tutto ‘o lassato è perduto.
    Tutto il lasciato è perso.
  • ‘O pesce fète d’a capa.
    Il pesce puzza dalla testa [Quando c’è un problema la colpa è di chi comanda].
  • Tiene famme? E datte a morze ‘e mmane! Tiene sete? E datte a morze ‘e ddete!
    Hai fame? E prendi a morsi le mani! Hai sete? E prendi a morsi le dita! [Bisogna sapersi adattare]
  • Vene cchiù ‘ntra n’ora, che’n cient’anne.
    Possono accadere più cose in un’ora che in cento anni.
  • ‘A raggiona è d”e fesse.
    La ragione è degli stupidi.
  • Sul’à morte nu”nc’è rimedio.
    Soltanto alla morte non c’è rimedio.
  • Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.
    Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca [Nella vita è folle rischiare, ma lo è anche non farlo].
  • Omme senza vizi è menesta senza sale.
    L’uomo senza vizi è una minestra senza sale, ovvero è insipido.
  • Ommo ‘nzurato, ommo ‘nguajato.
    Uomo sposato, uomo inguaiato.
  • ‘A Cunferenza è padrona d’ ‘a malacrianza.
    Troppa confidenza porta alla maleducazione.
  • Chi fatica magna chi nun fatica magna e beve.
    Chi fatica mangia, chi non fatica mangia e beve.
  • ‘A lira fa ‘o ricco, a crianza fa o’ signore.
    I soldi fanno il ricco, ma è l’educazione a fare il signore.
  • Chi chiagne fotte a chi ride.
    Chi si lamenta tanto sta meglio di chi non lo fa.
  • A ‘o core nun se cummanna.
    Al cuore non si comanda.
  • Chi è povero ‘e denaro è ricco ‘e core.
    Chi è povero di denaro è ricco nel cuore.
  • ‘O cummanna’ è meglio d’ ‘o fottere.
    Comandare è meglio che copulare.
  • Aniello ‘ca nun se pava nun se stima.
    Un anello che non si è pagato non si stima.
  • O core nun se fa màje viècchio.
    Il cuore non invecchia mai.
  • ‘O bbene tanto se canòsce quanno se perde.
    Il bene si conosce quando si è perso [Ci rendiamo conto del valore delle cose quando ormai non ci sono più].
  • Chi pecora se fa, ‘o lupo s’ ‘o magna.
    Chi si fa pecora, il lupo se la mangia [Per non essere sopraffatti è eglio non avere un atteggiamento dimesso].
  • Frije ‘e pisce e guarda ‘a jatta.
    Friggi il pesce, ma guarda alla gatta [Meglio fare sempre attenzione].
  • Tre songo ‘e putiente: ‘o rre, ‘o papa e chi nun tene niente.
    Tre sono i potenti: il re, il papa e chi non possiede niente.
  • L’ammore fa passà ‘o tiempo e ‘o tiempo fa passà l’ammore.
    L’amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l’amore.
  • Meglio murí sazzio ca campà diúno.
    Meglio morire sazio, che vivere digiuno.
  • Robba ‘e mangiatorio, nun se porta a cunfessorio.
    I peccati di gola non si portano nel confessionale.
  • Quanno uno s’à da mbriacare è meglio che se mbriacasse de vino buono.
    Quando ci si deve ubriacare è meglio farlo con del vino buono.
  • Quanno ‘o tavernaro sta ‘mmocca â cantina, into nu’ ‘nc’è nesciuno.
    Quando l’oste sta davanti alla sua taverna, dentro non c’è nessuno.
  • E solde fanno venì ‘a vista ‘e cecate.
    I soldi fanno tornare la vista ai ciechi [Il denaro può tutto].
  • Panariello va, panariello vene, l’amicizia se mantene.
    Un paniere va, uno viene, l’amicizia si conserva [L’amicizia deve essere reciproca per durare].
  • Quanno lo malanno vò venire, trase pe le spaccazze de la porta.
    Quando la malattia vuole venire, entra dagli spiragli della porta [Per certe disgrazie non c’è rimedio].
  • Chi tene che magna’ nun ave a che penzà.
    Chi ha da mangiare non ha nulla di cui preoccuparsi.
  • Dio te guarda da ‘e pezziente sagliute.
    Dio ti guardi dal pezzente arricchito.
  • Quann’ ‘o diavulo t’accarezza, vo’ ll’ ànema.
    Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.
  • ‘A femmena pe’ l’ommo addiventa pazza, l’ommo p’ ‘a femmena addiventa fesso.
    La donna per l’uomo impazzisce, l’uomo per la donna rimbecillisce.
  • Ogni cane ca’ fuje sape ‘e fatt suoje.
    Ogni cane che scappa sa i fatti suoi [Se qualcuno scappa c’è sicuramente un motivo]
  • A’ vita è n’apertura e cosce e ‘ na chiusura e cascia.
    La vita è un’apertura di cosce e una chiusura di cassa [Riferito al ciclo vitale].
  • ‘A meglio parola è chela ca nun se dice.
    La parola migliore è quella che non si dice [A volte è meglio tacere].
  • Ommo senza denari anema morta.
    Un uomo senza denari è come un’anima morta.
  • Chi te vo’ bene cchiù de mamma, te ‘nganna.
    Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna [Non fidarti di chi è troppo gentile].
  • Nce stanno uommene, uommenicchie, uommenone e quaquaraquà.
    Ci sono uomini, ometti, omoni e nullità.
  • ‘A cuntentezza vene da ‘o core.
    La gioia viene dal cuore [La felicità va cercata dentro di noi].
  • Nisciuno è nato ‘mparato.
    Nessuno è nato istruito.
  • Co ‘a vocca chiusa nun traseno mosche.
    Con la bocca chiusa non entrano le mosche [a volte è meglio tacere].
  • A chi parla areto ‘o culo ‘o risponne.
    A chi parla alle spalle, il sedere gli risponde [Parlare dietro alle persona porta verso cattive risposte].
  • Giacchino mettette ‘a legge e Giacchino fuje ‘mpiso.
    Gioacchino (Murat) istituì la legge e fu impiccato [Chi è causa del suo mal, pianga se stesso].
  • Ntiempo’e tempesta, ogne pertuso è puorte’.
    In tempo di bufera ogni pertugio è porto [In tempi difficili anche il più piccolo appiglio è una salvezza].
  • Tre cose, chi n’ave assaje, ne fa scafaccio: de denare, sanitate, libertate.
    Tre cose chi ne ha, le disprezza: denaro, salute e libertà.
  • ‘A femmena ciarliera è ‘na mala mugliera.
    La donna chiacchierona è una cattiva moglie.
  • Adda passà ‘a nuttata.
    Deve passare la nottata [I guai prima o poi finiranno].
  • Ogni capa è ‘nu tribunale.
    Ogni testa è un tribunale [Siamo tutti pronti a giudicare].
  • L’amico è comme’ ‘o ‘mbrello: quannno chiove nun o truove maje.
    L’amico è come l’ombrello, quando piove non lo trovi mai.
  • O’ sparagno non è mai guadagno.
    Il risparmio, non è mai un guadagno [Attenzione a quello che ci viene proposto in offerta].
  • Chi nasce afflitto more scunzulato.
    Chi nasce pessimista, muore sconsolato [I pessimisti non saranno mai felici].
  • ‘A fortuna è comme l’anguilla: cchiù penzammo d’ ‘a putè agguanta e cchiù ‘nce sciulia.
    La fortuna è come l’anguilla: quando credi di averla afferrata sfugge.
  • ‘Mparate a parlà, no a faticà.
    Impara a parlare, non a lavorare.
  • Varva bona ‘nzaponata, è meza fatta.
    La barba ben insaponata è già per metà rasata [Chi ben comincia è a metà dell’opera].
  • Sulo Dio è necessario.
    A parte Dio, nessuno è necessario.
  • ‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo.
    Il pesce grande mangia il piccolo [La legge del più forte].
  • Meglio nu ciuccio vivo, ca nu duttore muorto.
    Meglio un asino vivo che un dottore morto.
  • ‘E chiacchiere s’ ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza.
    Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia [Le parole sono incosistenti].
  • E deritte moreno pe’ mmane d’ ‘e fessi.
    Gli intelligenti muoiono per mano degli stupidi [Farci accompagnare da persone stupide ci danneggia].
  • Una ce ne steva bona, e ‘a facettero Maronna.
    C’era una sola donna buona e la fecero Madonna.
  • Quanno ‘o diavulo tuoio jeva a’ scola, ‘o mio era maestro.
    Quando il tuo diavolo andava a scuola il mio era già maestro [non pensare di fregarmi].
  • Si ‘o ciuccio nun vo’ vevere, hai voglia ‘e sischià.
    Se l’asino non vuole bere, hai voglia di fischiare [Non insistere con chi proprio non vuole fare una cosa.].
  • Senza renàre nun se càntano mésse.
    Senza denaro non si cantano messe [Nulla si ottiene senza denaro].
  • E mmalatìe veneno a cavallo e se ne vanno ‘a ppère.
    Le malettie vengono a cavallo e vanno via a piedi [Ad ammalarsi si fa in fretta, mentre per guarire ci va tempo].
  • Se pigliano chiù mosche cu’ ‘na goccia ‘e mele che cu’ ‘na votta ‘e acito.
    Si prendono più mosche con una goccia di miele che con una botte d’aceto [Con la gentilezza si ottiene di più].
  • Primmo, penza, a te; po’, a li tuoje; po’, a chi puoje.
    Per primo pensa a te, poi a chi ti sta vicino, poi agli altri.
  • ‘O munno è munno: chi saglie e chi va a funno.
    Il mondo è mondo: c’è chi sale e chi va a fondo.
  • Nun c’è sabbato senza sole, nun c’è femmena senz’ammore.
    Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore.
  • Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.
    Carte e donne fanno quello che vogliono.
  • Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.
    Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone [Anche le cose più belle col tempo peggiorano].
  • Non dicere, quanto saje; non fare, quanto puje; nun te magna’, quant’haje.
    Non dire quanto sai; non fare quanto puoi, non mangiarti quanto possiedi.
  • Bone parole e triste fatte ‘ngànnano li sàpie e li pazze.
    Belle parole e tristi fatti ingannano i saggi e i pazzi.
  • С’o vino pure ‘o saputo addiventa animale.
    Col vino anche una persona colta diventa un animale.
  • Chi te vò bene te fa chiagnere.
    Chi ti vuole bene ti fa piangere [Chi ti vuole bene ti dice le come come stanno, al costo di farti soffrire].
  • Dio è lungariéllo, ma nun è scurdariéllo.
    Dio è lento ad intervenire, ma non è smemorato.
  • ‘E femmene tèneno ‘e lacreme ‘int’ ‘a burzetta.
    Le donne hanno le lacrime nella borsa [sempre pronte].
  • Fatte ‘na bbona annummenata e po’ va’scassanno chiesie.
    Fatti un buon nome e poi vai pure a depredare le chiese [La reputazione è importante].
  • L’amico vero nun dicette, ma facette.
    L’amico vero non disse, ma fece.
  • Pietto forte vence mala sciorta.
    Un animo risoluto vince la cattiva sorte.
  • Primm’ e cunfett’ e poi e difett’.
    Prima i confetti e poi i difetti [Dopo le nozze vengono fuori i difetti].
  • ‘O scarparo porta ‘e ppeggio scarpe.
    Il calzolaio porta le scarpe peggiori [Chi lavora per gli altri non ha più tempo per sé].
  • Quann’ ‘o mare è calmo, ogni strunz è marenaro.
    Quando il mare è calmo, ogni stupido è marinaio [ Quando le cose vanno bene sono tutti bravi].
  • Ogne brutto cane tene na bella coda.
    Ogni brutto cane ha una bella coda [C’è del bello ovunque se lo si cerca].
  • ‘O sàzio nun crére a ‘o diùno.
    Chi è sazio non crede al digiuno.
  • Male nun fa’ e paura nun avé’.
    Male non fare e paura non avere.
  • ‘O regno ‘e Napule è ‘nu paraviso, ma è abitato da ‘e diavule.
    Il Regno di Napoli è un paradiso, ma è abitato dai diavoli.
  • parte ricchezza e addeventa puvertà.
    Dividi la ricchezza e diventerà povertà.
  • ‘A briscola se joca co’ e denare.
    La briscola si gioca con i denari [senza soldi non si può fare nulla].
  • Chi cumanna nun suda.
    Chi comanda non suda.
  • Storta va, deritta vene.
    Storta va, diritta viene [Anche se qualcosa parte male, la si può ancora aggiustare].
  • Nun sputà n’ciel ca n’facc te torna.
    Non sputare in cielo perchè ti ricadrà in faccia.
  • ‘O pastore c’avanta ‘o lupo nun vô bene ‘e pecore.
    Il pastore che vanta il lupo non vuol bene alle pecore [Bisogna scegliere da che parte stare].
  • ‘O nniente è sempe niente.
    Il niente è sempre niente.

Ti potrebbero interessare:

X