Proverbi Siciliani: i 100 più famosi e divertenti (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 6 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Proverbi Siciliani: i 100 più famosi e divertenti (con traduzione)

La Sicilia, oltre ad essere una terra ricca di paesaggi mozzafiato è famosa anche per la sua particolare cultura popolare, così come per i suoi proverbi, frutto di millenni di storia e battaglie. Su questa terra si sono infatti alternate popolazioni di origine fenicie, greche, arabe, romane, bizantine, barbare e normanne. Ognuna di queste ha contribuito alla cultura e alle tradizioni degli abitanti di quest’isola.

Il siciliano non è un semplice dialetto che deriva dall’italiano, ma un idioma le cui origini provengono direttamente dal latino volgare, come riconosciuto dall’Unesco.

Ecco quindi una selezione dei proverbi siciliani più famosi e divertenti che ci fanno apprezzare appieno le sonorità e la variegata tradizione culturale. Scoprili subito!

Detti, massime e proverbi siciliani

  • U lupu di mala cuscenza comu opira penza.
    Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che potrebbe fare lui.
  • Ama a cu t’ama si vo’ aviri spassu, c’amari a cu nun t’ama è tempu persu.
    Ama chi t’ama se vuoi averne diletto, perché amar chi non t’ama è tempo perso.
  • Cu ‘havi a chi fari cu’ sperti, stassi cu’ l’occhi aperti.
    Chi ha a che fare con i furbi, deve stare con gli occhi aperti.
  • Cosi cuntati, criditini mità, si menu criditi, megghiu faciti.
    Credete la metà di quanto vi raccontano, e se ci credete di meno è ancora meglio.
  • Megghiu cummattiri cu’n brigante e non cu’n ignurante.
    Meglio avere a che fare con un brigante che con un ignorante.
  • Cu `un fa nenti `un sbaglia nenti.
    Solo chi non fa niente non commette errori.
  • Du` su` i putenti, cu avi assà e cu nun avi nenti.
    Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.
  • Cu campa vecchiu si fa’.
    Chi vive diventa vecchio.
  • Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
    Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.
  • Quannu la lingua voli parrari, divi prima a lu cori dimannari.
    Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.
  • Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta.
    Una buona risposta a cattive parole vale molto e costa poco.
  • Cu unn’è abituatu a brachi novi, un paru chi n’avi, si caca tuttu.
    Chi non è abituato a pantaloni nuovi, appena ne ha un paio se ne vanta esageratamente.
  • Servu d`autru si fa cu dici lu sigretu chi sa.
    Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.
  • Fa beni e scordatillu, fa mali e pensaci.
    Fai il bene e dimenticalo, fai il male e pensaci.
  • I spini ne’ carni i lavutri su comu a sita.
    Le spine nella pelle degli altri sono come la seta.
  • Cu pava prima, mangia pisci fitusu.
    Chi paga prima, mangia pesce marcio.
  • Amuri, biddizzi e dinari sunu tri cosi ca nun si ponu ammucciari.
    Amore bellezze e denaro sono tre cose che non possono essere nascoste.
  • A puvirtà unn’ è virgogna, ma mancu preju.
    La povertà non è una vergogna, ma neanche pregio.
  • Cu s’affuca chi sò manu, nun c’è nuddu ca u chianci.
    Chi si strozza con le proprie mani, non ha nessuno che lo piange.
  • Lu pani nun stuffa mai.
    Il pane non stanca mai.
  • Cu accurza allonga e cu allonga accurza.
    Chi vuole fare le cose in fretta alla fine perde più tempo.
  • Cu voli beni, un senti fetu d’agghia.
    Chi vuol bene non sente la puzza dell’aglio.
  • Cu spatti avi a megghiu parti.
    Chi divide ha la parte migliore.
  • Aspittari e nun viniri, jiri a tavula e nun manciari, jiri a lettu e nun durmiri su’ tri peni di muriri.
    Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire.
  • U pisci feti ra testa.
    Il pesce puzza dalla testa [le colpe sono di chi è al comando].
  • Megghiu muriri chi mali campari.
    Meglio morire che vivere male.
  • Cummannari è megghiu ri futtiri.
    Comandare è meglio di fottere.
  • Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna `n ci nni dari.
    Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede.
  • U tempu e a spirienza fannu nasciti a prurienza.
    Il tempo e l’esperienza fanno maturare la prudenza.
  • Cu’n sapi fari un sapi cumannari.
    Chi non sa fare non sa comandare.
  • ‘A megghiu parola è chidda ca ‘un si dici.
    La miglior parola è quella che non si dice.
  • C’amici e parenti un accattari e vinniri nenti.
    Con amici e parenti non comprare e vendere niente.
  • Unni c’è interessi, non c’è amuri.
    Dove prevalgono gli interessi materiali, non c’è amore.
  • Cu mancia fa muddichi.
    Chi mangia fa briciole [chi fa qualcosa lascia sempre una traccia].
  • Ognunu campa cu l’arti so.
    Ognuno vive con la sua arte [ognuno vive come può}.
  • U rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.
    Il rispetto è misurato. Chi lo porta lo riceve.
  • A prima vasata è arrubbata, a sicunna è arrigalata.
    Il primo bacio è rubato, il secondo è regalato.
  • Acqua passata nun macina mulinu.
    Acqua passata non fa macinare il mulino [quel che è andato non torna].
  • C’unn’è gilusu unn’è amanti.
    Chi non è geloso, non ama.
  • A facci ca non è vista, è disiddirata.
    Una faccia non vista, è più desiderata.
  • Di `na rosa nasci `na spina. Di `na spina nasci `na rosa.
    Da una rosa nasce una spina, da una spina nasce una rosa.
  • Cu’ s’ammuccia soccu fa, è signu chi mali fa.
    Chi nasconde quel che fa, vuol dire che fa qualcosa di male.
  • La farfalla, a lu lumi attornu vola.
    La farfalla vola sempre attorno alla luce.
  • Ama a cu t’ama, rispunti a cu’ ti chiama.
    Ama chi t’ama, rispondi a chi ti chiama.
  • Non c’è nenti chi fari, simpatia e antipatia su’ cosi naturali.
    Non c’è niente da fare, simpatia e antipatia son fatti naturali.
  • Bon tempu e malu tempu non dura tutto tempu.
    Buon tempo e brutto tempo non durano per sempre.
  • Se è veru ca u munnu gira, ri cà avi a passari.
    Se è vero che il mondo gira, da qui deve passare.
  • Biddizza senza grazia è comu l’isca senz’ami.
    La bellezza senza grazia è come l’esca senza l’amo.
  • Cu travagghia si fa lu immu, cu talia si fa lu giummu.
    Chi lavora si fa la gobba, chi non lavora si arricchisce.
  • Quannu la casa pigghia focu unn’è lu mumentu di quariarisi.
    Quando la casa prende fuoco non è il momento di scaldarsi.
  • Muggheri onesta, trisoru ca resta.
    Moglie onesta, tesoro che resta.
  • Cu lassa a vecchia ppà nova tintu s’attrova.
    Chi lascia la vecchia per la nuova si troverà male.
  • Prima di parlari mastica li paroli.
    Prima di parlare mastica le parole [rifletti prima di parlare].
  • Cu avi la cummirità e `un si nni servi mancu lu cunfissuri lu pò assolviri.
    Chi ha la possibilità di vivere bene e non la sfrutta non può essere perdonato neanche dal confessore.
  • A lu galantomu ogni paisi è patria.
    Ogni paese al galantuomo è patria [è rispettato ovunque].
  • Voi sapiri qual’è lu megghiu jocu? Fà beni e parra pocu.
    Vuoi sapere qual’è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco.
  • A pignata vaddata non vugghi mai.
    La pentola guardata non bolle mai [quando ci si aspetta una cosa, questa non arriva mai].
  • Nuddu si pigghia si non si rassumigghia.
    Le persone che si assomigliano si mettono insieme.
  • U bonu no vali cchiù di nu tintu sì.
    Un “no” detto con grazia vale più di un “sì” detto sgarbatamente.
  • Quannu u diavulu t’accarizza voli l’arma.
    Quando il diavolo ti adula vuole l`anima.
  • Cu pigghia biddizzi, pigghia corna.
    Chi si sposa con donne belle, è destinato ad essere tradito.
  • Cu n’arrisica na’ arrussica.
    Chi non risica non rosica.
  • L’amuri è comu lu citrolu, cumincia duci e finisci amaru.
    L’amore è come il cetriolo, comincia dolce e finisce amaro.
  • Bona maritata, senza sòggira e cugnata.
    È ben sposata, la donna che non ha né suocera né cognata.
  • Attacca lu sceccu dunni voli lu patruni.
    Lega l’asino dove vuole il padrone [fai come dici chi sta sopra di te}.
  • Cu avi la cummirità e `un si nni servi mancu lu cunfissuri lu pò assolviri.
    Chi ha la possibilità di vivere bene e non la sfrutta non può essere perdonato neanche dal confessore.
  • Si ad ogni cani chi abbaia ci vò tirari `na petra `un t`arrestanu vrazza.
    Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue braccia non ce la faranno.
  • Ogni cani è liuni a la sò casa.
    Ogni cane nelle sua casa si sente un leone.
  • Geniu fa biddizza.
    Intelligenza fa bellezza.
  • Lu gilusu mori curnutu.
    Il geloso muore cornuto.
  • Cu bonu simina, megghiu arricogghi.
    Chi bene semina, meglio raccoglie.
  • U rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.
    Il rispetto è misurato. Chi lo porta lo riceve.
  • Cu accatta abbisogna di cent’occhi; cu vinni d’unu sulu.
    Chi compra ha bisogno di cento occhi; chi vende di uno soltanto.
  • ‘A cosa ‘ncimata è menza cusuta.
    Una cosa cominciata è per metà finita.
  • A liggi è uguali pi tutti ma cu avi i picciuli si nni futti.
    La legge è uguale per tutti ma chi ha i soldi se ne frega.
  • Aceddru `nta la aggia `un canta p`amuri, ma pi raggia.
    Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia.
  • A lu caru avvicinatici, a lu mircatu pènsaci.
    Al costoso avvicinati, diffida della merce a prezzi bassi.
  • A morti sula ‘un c’è riparu.
    Alla morte non c’è alcun riparo.
  • Ovu d`un`ura, pani d`un jornu e vinu d`un annu `un ficiru mai dannu.
    Uovo di un`ora, pane di un giorno e vino di un anno non hanno fatto mai male.
  • Li guai di la pignata li sapi la cucchiara chi li rimina.
    I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che li mescola.
  • Li sordi di lu `Nfinfirinfì si li mancia lu `nfinfirinfà.
    I soldi guadagnati in modo disonesto vengono spesi male.
  • Quannu ‘u piru è maturu cari sulu.
    Quando la pera é matura cade da sola.
  • Soccu ora si schifia veni lu tempu chi si addisia.
    Quello che adesso si disprezza, un giorno sarà desiderato.
  • ‘U cani muzzica sempre ‘u spardatu.
    Il cane morde sempre il povero [i guai arrivano a chi è già sfortunato].
  • Cu fa carteddi, ‘ni fa lari e ‘ni fa beddi.
    Chi fa cesti ne fa brutti e ne fa belli [non sempre le cose vanno al meglio].
  • Cu duna prima duna `ntimenza, cu duna doppu cu tutti li senza.
    Chi colpisce per primo colpisce con esitazione, chi risponde alla provocazione lo fa con tutta la sua forza.
  • Cu cchiù spenni menu spenni.
    Chi più spende meno spende.
  • Cu pecura si fa, u lupu s’a mancia.
    Chi si fa pecora, il lupo lo mangia.
  • Quannu la furtuna vota ogni amicu si fa la ritirata.
    Quando la fortuna sparisce, gli amici si allontanano.
  • U varagnu fa passari ‘a stanchizza.
    Il guadagno fa passare la stanchezza.
  • Megghiu pierdiri ca strapierdiri.
    Meglio perdere poco che perdere molto.
  • Parrari picca e vèstiri di pannu, nun fannu mai dannu.
    Parlare poco e vestire bene, non fa mai male.
  • Si voi lu beni pensa a lu mali.
    Se vuoi il bene pensa al male.
  • Lu giuvini uziusu, sennu vecchiu è bisugnusu.
    Il giovane ozioso, quando è vecchio sarà bisognoso.
  • Venisti pi futtiri e fusti futtutu.
    Sei venuto per fregare e sei stato fregato.
  • Fimmina ca ridi, t’ha dittu si.
    Quando una donna ti sorride, ti ha detto di sì.
  • Lu viziu si nun veni castiatu dura finu all’infinitu.
    Se il vizio non viene castigato dura per sempre.
  • Cchiù scuru di mezzanotti ‘un pò fari.
    Più buio di mezzanotte non può fare.
  • L’amuri tutti dicinu ch’è amaru, ma tutti vuonnu vidiri s’è veru.
    Tutti dicono che l’amore è amaro, ma vogliono ugualmente provarlo.
  • Cu si innamura di capiddi e dienti, s’innamura di nienti.
    Chi si innamora dei capelli e dei denti, non s’innamora di niente [è meglio guardare l’aspetto interiore].
  • Lu sceccu porta a pagghia, e lu sceccu si la mancia.
    L’asino porta la paglia, e l’asino se la mangia.
  • Cu nesci arrinesci.
    Chi esce, riesce [chi si butta nelle cose ottiene più risultati].
  • U micceri bannìa chiddu chi avi.
    Il mercante pubblicizza la sua merce.
  • Si voi campari filici e cuntenti, finciti orvu, surdu e ‘gnuranti.
    Se vuoi vivere felice e contento fa finta di essere cieco, sordo e ignorante.
  • A vigna si chianta quannu u vinu ‘un vali nenti.
    Il vigneto va piantato quando il vino non ha valore di mercato.
  • Iunciti cu li megghiu e facci a spisa pà via.
    Frequenta le persone migliori anche se ciò comporta qualche sacrificio.
  • Si vô futtiri ‘u tô vicinu, curcati prestu e susiti matinu.
    Se vuoi fregare il vicino, vai a letto presto e alzati di buon mattino.
  • Petra ca un fa lippu sa tira a china.
    Chi non fa radici è destinato ad andare in rovina.
  • La guerra, quannu veni, veni pi tutti.
    La guerra, quando arriva, arriva per tutti.
  • I picciuli sunnu nta vucca di tutti e nta sacchetta di nuddu.
    I soldi sono sulla bocca di tutti e nella tasca di nessuno.
  • Cu’ arrobba pri manciari, nun fa piccatu.
    Chi ruba per mangiare, non fa peccato.
  • Ri chiddu chi viri, pocu ni criri; ri chiddu chi senti, nun cririri nenti.
    Credi poco a quello che vedi e per nulla a quello che senti.
  • Sparagna la farina quannu la visazza è china, quannu ‘a visazza è sdivacata servi a nenti la sparagnata.
    Risparmia il denaro quando lo puoi fare, perchè quando il denaro non c’ è non hai nulla da risparmiare.

Ti potrebbero interessare:

X