Proverbi Napoletani sui Soldi: i 50 più belli (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 5 . Media: 4,60 su 5)
Loading...
Proverbi Napoletani sui Soldi: i 50 più belli (con traduzione)

I soldi sono una delle nostre preoccupazioni più grandi nella vita di tutti i giorni. Ci danno la strana sensazione di non bastare mai e più ne abbiamo e più ne vorremo avere.

In questo senso, tanti proverbi napoletani ci ricordano che i valori importanti son ben altri e che concentrarsi solo sulla ricchezza può richiedere di sacrificare tutte le cose più belle della vita. L’importante, come sempre, è sapersi accontentare.

Qui di seguito una raccolta dei più saggi detti e proverbi napoletani sui soldi che ci insegneranno a dargli la giusta importanza. Eccole!

Detti, massime e proverbi napoletani sui soldi

A vera ricchezza d’ ‘a casa songo ‘e figlie.
I figli rendono ricca la casa più povera.

Meglio pane e cepolle ‘a casa soja, ca galline e cunfiette ‘a casa ‘e ll’ate.
Meglio essere padrone povero piuttosto che servitore ricco.

Ognuno è ricco ‘a casa soja.
Ognuno è Re della propria casa.

Chi cammina deritto, campa afflitto.
L’onesto non diventa mai ricco.

Chi nun tene debbete, è ricco.
È ricco chi non ha debiti.

‘O ricco fa chello che vò, ‘o pezzente fa chello che pò.
Il ricco fa quello che vuole, il povero fa quello che può.

Chi nun tene denare è nu saputo e n’aseno.
Chi non ha soldi non è nessuno.

Chi nun tene denare ave sempe tuorto.
Chi non ha soldi ha sempre torto.

Chi nun tene denare, va facenno zelle.
Chi non ha soldi fa debiti e guai.

Tre cose nun se devono ‘mprestare: libbre, denare e mugliera.
Non prestare mai libri, soldi e moglie.

Fidate d’ ‘o signore ‘mpuverito, ma nun te fidà d’ ‘o pezzente sagliuto.
Fidati del signore impoverito, ma non fidarti del povero arricchito.

‘A pàva ‘e surdato e ‘o sfizio ‘e generale.
La paga da soldato e le mansioni da generale.

Chi nun tene denari, va facenno zelle.
Chi non ha soldi va in giro a fare debiti.

Fa l’arte ca saje, ca si nun t’arrecchisce camparraje.
Fai il mestiere che conosci, anche se non diventerai ricco, almeno avrai di che vivere.

Chi tene vacche, ducate e turnese, sotto sotto se crère marchese.
Chi possiede bestiame e soldi, in cuor suo si ritiene un nobile.

‘A femmena bella nun è puverella.
Una bella donna ha una grande ricchezza.

Faje comme ‘a zì Pinotto: chiagne e fotte.
Fai come il sig. Giuseppe: si lamenta e accumula ricchezze.

Dduje solde, p’ ‘a vàvera, capille, e ‘a mullechella mmocca.
Due soldi, barba, capelli e la mollica in bocca.

‘E denare d’ ‘o ‘nfinferinfì se ne vanno c’ ‘o ‘nfinferinfà.
Il guadagno facile se ne va altrettanto facilmente.

Chi nun ave niente, nun ave che perdere.
Chi ha niente, niente perde.

A ‘o mumento d’ ‘o besuogno ‘e meglio amice so’ ‘e denare.
Nel momento del bisogno i migliori amici sono i soldi.

‘E denare fanno veni’ a vist’ê cecate.
I soldi fanno venire (ritrovare) la vista ai ciechi.

‘E denare so’ ‘a voce ‘e ll’ommo.
I soldi sono la voce dell’uomo.

‘E denare so’ comm’a ‘e chiattille: s’attaccano a ‘e cugliune.
I soldi son come le piattole: si attaccano ai testicoli.

Femmene e denare so’ ‘e cose chiù care.
Donne e soldi sono le cose più care.

Fernute ‘e suone, fernesce ‘o ballo; e, senza denare, l’ommo nun canta.
Finiti i suoni, finisce il ballo; e, senza soldi, l’uomo non canta.

Guallere e denare niscuno sape si ne tene.
Ernie e soldi, nessuno sa chi ce l’ha.

I renare s’abbuschene cu’ ‘a spogne e se ne vanno cu ‘e cate.
I soldi guadagnano con fatica e vanno via a fiumi.

L’ommo senza denare è ‘nu muòrto che cammina…
L’uomo senza soldi è un morto che cammina…

‘E denare sò ‘a voce ‘e l’ommo.
Il denaro è la voce dell’uomo.

A chi nun tene figlie nun ghì né pe’ denare né pe’ cunziglie.
A chi non ha figli non chiedere né soldi né consigli.

Chi s’aiza ‘a matina, s’abbusca ‘o carrino; chi s’aiza ‘o ghiuorno s’abbusca ‘nu cuorno.
Chi si leva di buon mattino, guadagna soldi; chi si alza a giorno fatto, avrà un bel niente.

Vótta chiéna, tiéne ‘mmàno.
A botte piena, risparmia.

D’ ‘o denaro d’ ‘o carucchiaro se ne vede bbene ‘u sciampagnone.
Del denaro dell’avaro gode lo scialacquatore.

‘A briscola se joca co’ e denare.
La briscola si gioca con i denari, ovvero senza soldi non si può fare nulla.

O’ ciucc quand ‘o mettn e sold ngann o chiammn don ciucc.
I soldi fanno cambiare opinione delle persone.

‘O tirchio, pare ca ‘o culo l’ arrobba a cammisa.
All’avaro sembra che il suo sedere gli ruba la camicia.

Chi è povero ‘e denaro è ricco ‘e core.
Chi è povero di denaro è ricco nel cuore.

Chi tene belli denare sempe conta; chi tene bella mugliera sempe canta.
Chi ha bei denari sempre conta; chi ha bella moglie sempre canta.

Cuscienza e denare so’ ‘e cose cchiù rare.
Coscienza e soldi sono le cose più rare.

‘O vero pezzente nun cerca ‘a lemmosina.
Il vero povero non cerca la carità.

Sparte ricchezza e addeventa puvertà.
Dividi la ricchezza e diventerà povertà, ovvero le divisioni non accontentano nessuno.

Sott’ ‘e coperte nun se canosceno miserie.
Quando si è sotto le coperte con una donna si dimentica ogni povertà.

‘A miseria è comme ‘a tosse.
La povertà è come la tosse.

Senza denare nun se cantano messe.
Senza soldi non si celebrano messe.

Tre cose nun s’ ‘anna maje ‘mprestà: libbre, denari e muglièra.
Non prestare mai libri, soldi e moglie.

‘O tirchio è comme ‘o puorco è bbuono sulo doppo muorto.
L’avaro è come il maiale: è buono solo da morto.

‘O puorco chiatto se cocca sempe ‘ncuollo ‘o sicco.
Il ricco vive sempre alle spalle del povero.

‘O puorco cu ‘e denare se chiamma “don puorco”.
Al ricco si dà sempre il “don” anche se si tratta di un maiale.

‘O puorco miettence ‘a sciassa, sempe ‘a cora ‘nce pare.
Anche indossando un abito elegante, il maiale rimane tale.

X