Proverbi sul Lavoro: i 35 più belli e divertenti

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 5 . Media: 5,00 su 5)
Loading...
Proverbi sul Lavoro

Il lavoro è per la maggior parte di noi l’attività che occupa maggiormente il nostro tempo, e di conseguenza anche la nostra vita.

Lavorare è indispensabile per avere un reddito sul quale basare le nostre sicurezze economiche, i divertimenti e perché no, i nostri sogni.

Qui di seguito una raccolta dei migliori proverbi sul lavoro che ne sottolineano l’importanza e quel rapporto di amore e odio che abbiamo un po’ tutti. Eccoli!

Detti, massime e proverbi sul lavoro

Chi lavora, Dio gli dona.

Il lavoro nobilita l’uomo.

Chi più lavora, meno mangia.

Voglia di lavorar saltami addosso, lavora tu per me che io non posso.

A chi non vuol far fatiche, il terreno produce ortiche.

Chi semina raccoglie.

Chi non fabbrica e non si marita, nulla sa della vita.

Il lavorare senza pregare, è una botte senza vino, e oro senza splendore.

Uno semina, l’altro raccoglie.

Pan di sudore ha gran sapore.

Chi non lavora non mangia.

Alla cuoca il fornello, al pittore il pennello.

Affaticati per sapere e lavora per avere.

Campar senza fatica è una voglia antica.

Chi lavora guadagna la vita; chi non lavora, la ruba.

L’uomo fu creato per lavorare, come l’uccello per volare.

Nel paese della cuccagna chi meno lavora più magna.

Chi vuol pane, meni letame.

A lavoratore trascurato, i sorci mangiano il seminato.

Chi è svelto a mangiare è svelto a lavorare.

Un buon lavoratore val più di dieci pigri.

Chi lavora caccia via i cattivi pensieri.

Ogni fatica merita ricompensa.

Lavoro non ingrassò mai bue.

Chi lavora con diligenza, prega due volte.

Non manca mai da fare, a chi ben vuol lavorare.

Aiutati che Dio ti aiuta.

Ogni mestiere vuole la sua destrezza.

Chi non vuol lavorare, bisogna che si adatti a mendicare.

Chi vuol lavoro degno assai ferro e poco legno.

Lavorare di buona voglia è il miglior mestiere.

Lavora come se avessi a campare ognora, adora come avessi a morire allora.

Chi si vergogna di lavorare, abbia vergogna di mangiare.

A cattivo lavoratore ogni zappa dà dolore.

Chi bene semina, bene raccoglie.

Chi ha un mestiere, non può perire.

X