Proverbi Napoletani sul Cibo e il mangiare: i 30 più belli (con traduzione)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 5 . Media: 4,40 su 5)
Loading...
Proverbi Napoletani sul Cibo e il mangiare: i 30 più belli (con traduzione)
Le nozze di Cana (Paolo Veronese)

Il cibo e la tavola fanno parte della nostra cultura e delle nostre tradizioni. Inoltre, il mangiare e le diverse pietanze si adattano perfettamente ad esprimere metaforicamente concetti molto lontani dal loro senso stresso.

Lo sanno bene i napoletani, che con il loro dialetto hanno dato vita a una gran quantità di detti e proverbi legati proprio alla tavola e al mondo che le ruota intorno.

Ecco quindi una selezione dei più celebri proverbi napoletani sul cibo che meglio legano i sapori e della cucina con le colorite espressioni di saggezza popolare. Scoprile qui!

Detti, massime e proverbi napoletani sul Cibo e il mangiare

Prima ca trase, pane e cas; roppo trasuto, pane piruto.
Prima di entrare, pane e formaggio; dopo, pane raffermo.

Quanno ‘a caurara volle, mena subbeto ‘e maccarune.
Quando l’acqua nella pentola bolle, cala subito i maccheroni.

Quatto cose te fanno cunzula’: ‘a femmena, l’argiamma, lo suonno e lo magnà.
Quattro cose che ti fanno star bene: la donna, il denaro, il sonno ed il mangiare.

Quann’ ‘o mellone jèsce russo, ognuno ne vò ‘na fella.
Quando il cocomero è rosso, ognuno ne vuole una fetta.

Addo’ magnano duje ponno magnà pure tre.
Dove ci sono due persone a mangiare c’è cibo sufficiente anche per una terza persona.

Chi fatica magna chi nun fatica magna e beve.
Chi fatica mangia, chi non fatica mangia e beve.

È meglio pane e cepolla ‘a casa toja ca galline e fasano ‘ncasa d’autre.
Meglio pane e cipolle a casa tua, che gallina e fagiano in casa d’altri.

Meglio murí sazzio ca campà diúno.
Meglio morire sazio, che vivere digiuno.

Te vulive magna’ l’aragosta, e mo abbuffate ‘e rapeste.
Hai voluto strafare e ora stai peggio di prima.

A meglia mericina: vino e campagna e purpette e cucina.
La migliore medicina: vino, campagna, polpette e cucina.

A carne ‘a sotto e ‘e maccarune ‘a coppa.
La carne sotto e i maccheroni sopra, ovvero le cose vanno al contrario di come dovrebbero.

Quann’ ‘o piro è ammaturo, care senza turceturo.
Quando la pera è matura, cade senza necessità del bastone.

Omme senza vizi è menesta senza sale.
L’uomo senza vizi è una minestra senza sale, ovvero è insipido.

E chiacchiere nun jéncheno ‘a panza.
Le chiacchiere non riempiono la pancia.

A chi me da ‘o ppane, je ‘o chammo pate.
A chi mi da da mangiare, lo rispetto come un padre.

A gatta, quanno sent’àddore d’o pesce, maccarune nun ne vò cchiù.
La gatta, quando sente l’odore del pesce, non vuole più i maccheroni.

Quanno se magna se cuntratta c’ ‘a morte.
Quando si mangia si ha a che fare con la morte.

Cu n’uocchio guarda a jatta e cu n’ate frje o’ pesce.
Un occhio al gatto e uno al pesce, quando friggi.

Chi tròppo vo’ magnà s’affòca.
Chi è troppo avido nel mangiare si strozza.

Si vuò campà anne e annune, vive vino ‘ncopp’ ‘e maccarune.
Vita lunga per chi beve vino e mangia maccheroni.

Astìpete ‘o milo pe’ quanno tiene sete.
Conservati una mela per quando hai sete.

‘O maccarone mio nisciuno ‘o tene: ‘o metto tosto e tosto se mantene.
La qualità della mia pasta è ottima, mantiene la cottura.

‘O Pataterno dà ‘o ppane a chi nun tène ‘e diente.
Il Padreterno dà il pane a chi non ha i denti.

‘O sazio nun crere ‘o riuno.
Il sazio non ascolta chi ha fame.

Pe’ n’aceno ‘e sale ‘e perzo ‘a menesta.
Per un granello di sale hai perso la minestra.

Tricchitracche, tanto a parte.
Pagare il conto alla romana.

Chi chieja ‘o sarvietto a tavula, è segno che llà nun ‘nce vo’ magnà cchiù.
Non piegare il tovagliolo a tavola quando si è ospite per non risultare maleducato.

A chi piace lu spito, nun piace la spata.

Chi ama lo spiedo, non ama la spada.
Chi ama la buona tavola non ha l’animo bellicoso.

‘A cucina piccerella fa ‘a casa granne.
Una piccola cucina fa la casa accogliente.

‘A capa è ‘na sfoglia ‘e cepolla.
La testa è come una cipolla.

X