Proverbi Piemontesi: i 50 più belli e simpatici (con traduzione)

Proverbi Piemontesi

La cultura popolare italiana ci regala tantissime perle, anche grazie alle sue sfumature locali e regionali che si contraddistinguono dall’uso di innumerevoli lingue e dialetti.

Tra questi, con una raccolta di tradizioni popolari e contadine, i proverbi piemontesi meritano sicuramente un posto particolarmente degno di rispetto.

Ecco quindi una raccolta di proverbi piemontesi sull’amore, la vita, l’amicizia e, perché no, il vino, che ci faranno scoprire curiosità e tradizioni della cultura sabauda. Scoprile subito!

Detti, massime e proverbi piemontesi

Quand la fam a intra da la porta, l’amor a seurt da la fnestra.
Quando la fame entra dalla porta, l’amore esce dalla finestra.

Val püsè na bóna làpa, che na bóna sàpa.
Vale più avere una buona lingua, che una buona zappa.

Andoa che ‘l coeur a tira la gambe a porto.
Le gambe portano dove il cuore è attratto.

Chi a travaja për sò cont a val për tre.
Chi lavora in proprio vale per tre.

Chi ch’a l’è sempre malavi a l’è l’ultim a meuire.
Chi è sempre ammalato è l’ultimo a morire.

A l’è mej n’amis che des parent.
È meglio un amico che dieci parenti.

A vive ‘n campagna la sanità a i guadagna.
Nel vivere in campagna, la salute guadagna.

Tut a ven a taj, fin-a j’unge për plé l’aj.
Tutto è utile, perfino le unghie per pelare l’aglio.

Pat ciàir, amicissia longa.
Patti chiari, amicizia lunga.

As comensa a meuire quand as nass.
Si comincia a morire quando si nasce.

Chi pasa Po pasa Doira.
Chi passa il Po può passare anche la Dora (chi supera un grande ostacolo può superarne anche uno più piccolo).

Ël crin a l’è come l’avar: a sèrv da mòrt.
Il maiale è come l’avaro: è utile da morto.

L’ butal a dà ‘l vin c’a l’à.
La botte dà il vino che ha.

La ròba bo-na a l’è ami cara.
La buona merce non è mai cara.

L’amor a fa balè j’aso.
L’amore fa ballare gli asini.

L’asu a cunos nen sua cùa, fora quand a l’à pì nen.
L’asino si accorge della coda solamente quando non l’ha più.

Chi a va pian, a va san e a va lontan.
Chi va piano, va sano e va lontano.

As fà nen brodëtta sensa mojëtta.
Non si fa brodo senza soldi.

L’aso a l’é sempre aso fin-a con na bela valdrapa.
L’asino è sempre asino, anche con una bella gualdrappa.

Al prim colp l’erbo a casca nen.
Al primo colpo l’albero non casca.

Un nemis a l’é tròp e sent amis a basto nen.
Un nemico è troppo e cento amici non bastano.

Mangé e bèive a fà piasì, a l’è paghé ca fa pianze.
Mangiare e bere fa piacere, è pagare che fa piangere.

A caté quatr euj, a vende un.
A comprare ci vogliono quattr’occhi, a vendere ne basta uno.

Dal mul sté tre pass lontan dal cul.
Dal mulo state tre passi lontano dal sedere.

Un bon cont an banca a fa ‘d bon.
Un buon conto in banca procura dei buoni amici.

A basta ‘n soris për fesse n’amis.
Basta un sorriso per farsi un amico.

Con la fam ël pan dur a ven frol.
Con la fame il pane duro diventa friabile.

Ël mercant c’a sà nen conté ‘d busìe ch’a sara botega.
Il mercante che non sa mentire chiuda bottega.

A son ij sòld ch’a fan la guèra.
Sono i soldi che fanno la guerra.

Vardeve da la volp, dal tass e da le fomne dal cul bas.
Guardatevi dalla volpe, dal tasso e dalle donne dal sedere basso.

L’amor a l’è come la rosà ch’a casca tant an sle reuse come an sla drugia.
L’amore è come la rugiada, che casca tanto sulle rose come sul letame.

Nos, fije e castagne, la vesta a coata le magagne.
Noci, ragazze e castagne, il vestito copre le magagne.

A basta nen avèj ëd sòld, a venta dcò savèj-je spende.
Non basta avere i soldi, bisogna anche saperli spendere.

Amor a passa, dolor a resta.
L’amore passa, il dolore rimane.

But d’avril a’mpiniss nen ël baril.
Germoglio d’aprile non riempie il barile.

A-i sarà ancora ‘d sòld ch’i-i saroma pi nen noi.
Ci saranno ancora soldi che non ci saremo più noi.

La cativa lavandera a treuva mai la bon-a péra.
La cattiva lavandaia non trova mai la buona pietra.

Dné a paga, caval a tròta.
Denaro paga, cavallo trotta.

Amor e comand a veulo esse soj.
Amore e comando vogliono essere soli.

Ël can ëd doi padron a meuir ëd fam.
Il cane di due padroni muore di fame.

Na ca sensa fomna a l’è na ca senssa lanterna.
Una casa senza donna è una lanterna spenta.

Ël basin a l’è na fruta ch’as cheuj mac an sla pianta.
Il bacio è un frutto che si coglie solo sulla pianta.

Braje ‘d tèila e mlon a stèmber a son pì nen bon.
Brache di tela e meloni a settembre non sono più buoni.

Can ch’a bàula a mòrd nen.
Can che abbaia non morde.

A-i va régola e mësura fin-a a bèive l’eva pura.
Ci vuol regola e misura persin nel bere l’acqua pura.

Doe fomne e n’òca a fan ‘n mërcà.
Due donne ed un’oca fanno un mercato.

Ij brigant at pio la borsa ò la vita, la dòna at je pija tute e doe.
I briganti ti prendono la borsa o la vita, la donna te le prende tutte e due.

Ij vei a pianto la vigna e i giovo a vëndëmmio.
I vecchi piantano la vigna e i giovani vendemmiano.

A fese bin vurei a-i van ben poc.
A farsi voler bene, basta poco.

Chi a veul tut a oten gnente.
Chi vuole tutto non ottiene niente.

A costa ‘d pì a esse cativ che a esse brav.
Costa di più essere cattivo che essere bravo.

Pieuva ‘d fervé ampiniss ël grané.
La pioggia di febbraio riempie il granaio.

Ël pan ëd ca a stofia.
Il pane di casa propria viene a noia.

A forsa ‘d nuiusè càich cos a s’gava sempre.
A forza d’importunare qualcosa si ottiene.

A-i è nen carn sensa òss.
Non c’è carne senza ossa.

Amor e merda a son doe canaje: una a mangia ël cheur e l’àutra le muraje.
Amore e merda sono due canaglie: una corrode il cuore, l’altra i muri.

Për fesse n’amis a basta ‘n bicer ëd vin, për goernelo a basta nen un botal.
Per farsi un amico basta un bicchiere di vino, per mantenerlo non ne basta una botte.

A-i è gnun malan pes che na fomna grama.
Non c’è peggior malanno di una moglie cattiva.

Perché la salada a sia bon-a a-i va ‘n prudent a salela, n’avar ant l’asil, an bondos ant l’euli e ‘n mat a toirela.
Affinché l’insalata sia buona ci vuole un prudente nel salarla, un avaro nell’aceto, un generoso nell’olio e un matto nel mescolarla.

Chi a deurm a guadagna nen.
Chi dorme non guadagna.

Chi a fa com che ël prèive a dis a va an paradis, chi a fa com che ël prèive a fa a l’infern a va.
Chi fa come dice il prete va in paradiso, chi fa come fa il prete va all’inferno.

X