Proverbi su Settembre: i 45 più belli e famosi

Proverbi su Settembre

Settembre è il mese dell’anno che ha l’arduo compito di chiudere l’estate e portarci verso i primi freddi e il rientro definitivo dalle vacanze.

Nonostante questo è un mese romantico e affascinante che segna lo svuotarsi delle spiagge e il ritorno in città, ma anche una serie di attività legate alla vita contadina.

Ecco quindi raccolti i migliori proverbi su settembre che ne evidenziano le caratteristiche e ci restituiscono un po’ di saggezza popolare. Scoprili subito!

Detti, massime e proverbi su settembre

Aria settembrina, fresco la sera e fresco la mattina.

Settembre per il povero è già inverno.

Se di settembre canta la cicala non comprar merci che la roba cala.

A settembre i frutti ci son sempre.

Pioggia in settembre poco acquista e nulla rende.

Il caldo di settembre toglie e non rende.

Ogni uccel d’agosto, o di settembre è beccafico.

Settembre, porta via i ponti o secca le fonti.

Settembre, la notte al dì contende.

Quando canta la cicala di settembre non comprar grano da vendere.

Quel che agosto non cuoce settembre lascia crudo.

A settembre si mangia e non si spende.

Settembre beato trovi tutto apparecchiato.

A settembre il Signore spalanca le braccia.

Settembre bello, sole e venticello.

Chi lavora di settembre fa bel solco e poco rende.

Calzoni di tela e meloni, a settembre non sono più buoni.

Settembre caldo e asciutto, matura ogni frutto.

Quando nevica di Settembre, nove lune attende.

Chi fa il bagno di settembre nella bara si distende.

Se gennaio riempie i pozzi, settembre riempie i tini.

A settembre si taglia ciò che pende.

D’agosto cura la cucina, di settembre la cantina.

Tinca di Maggio e luccio di settembre.

Settembre è il maggio dell’autunno.

Settembre cortese fino le fratte ci fanno le spese.

A settembre l’uva, la pesca, la pera, la mela, il melone e l’anguria sono ciascuna una goduria.

Agosto matura e settembre vendemmia.

Settembre e febbraro notte e giorno van del paro.

Brache, tela e meloni in settembre non son buoni.

Di settembre e d’agosto bevi vino vecchio e lascia stare il mosto.

Agosto empie la cucina e settembre la cantina.

A settembre pioggia e luna, è dei funghi la fortuna.

Settembre poco sole, ottobre non lo vuole.

Di settembre, la notte al dì contende.

Alla luna settembrina, sette lune se le inchina.

Settembre secca i pozzi o rompe i ponti.

Settembre inclemente poco vin, cattivo, o niente.

Di settembre l’uva e il fico pende.

Settembre settembrotte tanto il dì quanto la notte.

Se in settembre senti tonare tini e botti puoi preparare.

Di settembre o porta via i ponti o secca le fonti.

Di settembre pioggia e luna fan dei funghi la fortuna.

Se fa bello a San Gorgone [6 Settembre] la vendemmia va benone.

Se piove a San Gorgonio [9 settembre] tutto ottobre è un demonio.

Santa Croce [14 settembre] pane e noce.

Per Santa Eufemia [16 settembre] comincia la vendemmia.

San Matteo [21 settembre] addolcisce i grappoli.

Per San Michele [29 settembre] ogni straccio sa di miele.

Pioggia dolce a san Michele [29 settembre], inverno dolce; pioggia forte, inverno crudo.

Se l’Arcangelo [29 settembre] si bagna le ali, pioverà sino a Natale.

X